Ricorso per gli scatti stipendiali rivolto ai precari con tre anni di servizio

Lo Studio Legale Santonicola & Partners presenta il ricorso al giudice del lavoro per il riconoscimento degli scatti stipendiali per tutti i docenti e personale ATA precari con almeno tre anni di servizio statale (180 X 3). Nello specifico, si chiede il versamento delle differenze retributive tra quanto percepito, in forza dei reiterati contratti a termine, e quanto il docente/Ata avrebbe dovuto ricevere in ragione della progressione professionale retributiva riconosciuta dalla contrattazione collettiva al personale di ruolo.

Ascolta l’audio


 

Il fondamento giuridico

I dipendenti di ruolo e quelli non di ruolo svolgono la medesima attività, con l’unica differenza che il personale precario non fruisce degli scatti di anzianità invece riconosciuti dalla legge ai soli lavoratori di ruolo.
A fronte della identità di mansioni, non risulta giustificata la disparità di trattamento sul piano retributivo. Sul punto si è espressa addirittura la Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 22558 del 7 novembre 2016, affermando il principio secondo il quale “nel settore scolastico la clausola 4 dell’Accordo quadro sul rapporto a tempo determinato, recepito dalla direttiva n. 1999/70/CE, di diretta applicazione, impone di riconoscere l’anzianità di servizio maturata al personale del comparto scuola assunto con contratti a termine, ai fini della attribuzione della medesima progressione stipendiale prevista per i dipendenti a tempo indeterminato dai c.c.n.l. succedutisi nel tempo”.

Potrebbe interessarti:  Scuola, precariato ultime notizie: esito dell'incontro Governo-sindacati

Il pagamento degli onorari

telegram-scuolainforma-336x280

Solo in caso di vittoria sarà richiesta la corresponsione di ulteriori euro 300,00, come si legge nell’atto di impegno, presente tra gli allegati, che ciascun ricorrente è tenuto a compilare; diversamente, nell’ipotesi di rigetto, non sarà avanzata dai legali ulteriore pretesa economica. Non è previsto il versamento di alcuna quota associativa o sindacale. Potranno aderire tutti i precari, a prescindere dalla graduatoria nella quale risultino inseriti.
In allegato le istruzioni operative ed il file audio illustrativo del ricorso.

istruzioni_ricorso_scatti (1)