Comunicato AnDDL su FIT e concorso per dirigenti scolastici

AnDDL al ministro Bussetti: “Fermare il FIT e prevedere la partecipazione dei precari al concorso per dirigenti scolastici”. Questo il titolo dell’ultimo comunicato emesso dall’associazione del Prof.
Vespa, presidente dell’Associazione ‘Docenti per i diritti dei Lavoratori’: “Ci attendiamo dal nuovo governo definito del ‘cambiamento’ una conversione di rotta a 180° rispetto al governo precedente”.
“Fermare il bando per il FIT dei docenti non abilitati di Terza fascia e quello per i Dirigenti scolastici”, questa la richiesta dell’Associazione nazionale “Docenti per i Diritti dei Lavoratori”.
“Per il FIT è pronta la bozza del bando da sempre contestato dai docenti precari di Terza Fascia che non ci stanno a farsi trattare da “tirocinanti”. Questi docenti hanno pluriennale esperienza e non hanno bisogno di essere rispediti tra i banchi dell’Università con la paghetta prevista dai tirocini formativi. Questi docenti devono essere stabilizzati, in accordo con le indicazioni dell’Unione Europea” – così in una nota il presidente Pasquale Vespa -.
“Ci attendiamo dal nuovo governo definito del “cambiamento” una conversione di rotta a 180° rispetto al governo precedente che il mondo della scuola ha contribuito a mandare a casa – prosegue il professore Vespa di AnDDL – e su questo saremo vigili”.
Per il concorso che dovrà selezionare i dirigenti scolastici è prevista per il 23 luglio la prova preselettiva, confermata in una nota Miur.
E qui la richiesta dell’Associazione: “Occorre prevedere la partecipazione al concorso anche dei docenti precari con 5 anni di esperienza o avvieremo un mare di ricorsi. I precari sono docenti utilizzati dallo Stato da anni, con gli stessi doveri dei colleghi di ruolo ma a quanto pare con nessun diritto. Occorre una svolta. La prossima settimana consegneremo la richiesta nelle mani del senatore Mario Pittoni, in qualità di responsabile federale Istruzione della Lega, nonchè neo presidente della VII Commissione Cultura del Senato. Il bando deve necessariamente essere aggiornato e quindi fatto slittare a settembre.”
“E’ necessario – continua il presidente Vespa – avviare altresì un tavolo di confronto con il nuovo ministro della Pubblica Istruzione Bussetti, perchè i temi da affrontare che riguardano il mondo del precariato sono tanti e di notevole complessità. Dalla sentenza Plenaria, che ha deciso l’espulsione dalle Gae dei Diplomati Magistrali, all’abilitazione dei tanti docenti di Terza fascia che sono stati oltremodo penalizzati dalla L. 107/15, cosiddetta Buona Scuola”.
Prof. Pasquale Vespa, presidente Associazione Nazionale “Docenti per i Diritti dei Lavoratori”

Potrebbe interessarti:  Scuola, UDU: studenti in fuga dal Sud, no all'aumento delle disuguaglianze