Congelamento fit senza depennamento da GMRA

Il depennamento dalle graduatorie di merito regionali, conseguente all’ammissione al terzo anno del FIT, preoccupa un buon numero di docenti. Non viene detto nulla in merito ad una rinuncia alla convocazione per lo svolgimento dell’anno di prova. L’articolo 17, comma 5.13 del decreto legislativo 59/2017, relativo alla fase transitoria per i docenti abilitati, ci dice solo che “l’ammissione al citato percorso FIT comporta la cancellazione da tutte le graduatorie di merito regionali, nonché da tutte le graduatorie ad esaurimento e di istituto”.
La Nota Miur sulla rinuncia
Lo scorso 10 maggio 2018 il Miur ha emesso una nota che riguarda proprio il caso della rinuncia. In essa si riconfermava la cancellazione da tutte le graduatorie nel caso in cui si accetti la nomina a tempo determinato da GMRE. Per il caso opposto veniva scritto che la mancata accettazione della nomina, ossia la rinuncia, si provvedeva alla cancellazione dalla GMRE. Questo però vale solo per quella determinata classe di concorso è solo per quell’anno, mantenendo l’iscrizione per le altre cdc. Questo in quanto l’articolo 8 comma 3 del decreto legislativo 59/2017 prevede che l’accettazione del terzo anno Fit debba seguire le stesse regole delle supplenze annuali.
Rinforzo normativo
Tuttavia non sono pochi i docenti che mantengono le riserve circa il rischio di cancellazione da tutte le graduatorie. La discussione domina tutti i gruppi Facebook in cui giornalmente ci si confronta per avere notizie sul transitorio. Ne è stato fondato anche uno tematico che si chiama Congelamento fit – Rinuncia a fit senza depennamento da GMRA – Volendo riassumere il senso delle loro richieste ci si chiede, a garanzia della permanenza nella graduatoria regionale, se un eventuale rinuncia alla chiamata possa avere le stesse conseguenze di una rinuncia ad un contratto a termine dalle Gae o dalla seconda fascia. Può bastare una semplice nota oppure è necessario un decreto ministeriale ad hoc? O meglio, sia forse il caso di produrre un emendamento al Decreto Legislativo 59 che produca una norma inequivocabile in grado di tranquillizzare i docenti abilitati?