Bussetti: l'11 luglio tutte le strategie per cambiare la Scuola
Bussetti: l'11 luglio tutte le strategie per cambiare la Scuola
Il Ministro dell’Istruzione Bussetti ha comunicato che l’11 luglio parlerà alle Commissioni di Camera e Senato. Non sono ancora noti i temi che intenderà trattare ma c’è da scommettere che farà il punto sui provvedimenti presi fino ad ora e sulle iniziative che reputa necessarie intraprendere. Sono tanti i nodi ancora da sciogliere, il Ministro attraverso sue dichiarazioni e risposte a domande dei cronisti è sempre stato abbastanza vago, sarà questa l’occasione per andare nel concreto su determinati argomenti. Dalla riforma o modifica dell Buona Scuola, ai diplomati magistrali, alle paritarie, ai concorsi,  sono molti gli argomenti che attendono una risposta chiara e esaustiva.

Bussetti e l’audizione dell’11 luglio

Come dicevamo tante le questioni da risolvere sul tavolo del Ministro dell’Istruzione Bussetti. Questo passaggio con le Commissioni di Camera e Senato potrebbe essere l’occasione per prendere di petto alcune spinosi temi. Il primo inquilino di Viale Trastevere potrebbe parlare anche di come intende procedere rispetto alla questione dei diplomati magistrali, Bussetti potrebbe anche decidere di non arrecare danni al prossimo anno scolastico pensando a delle idonee procedure di reclutamento salvaguardando comunque i diritti di chi possiede i requisiti per accedere alla scuola primaria. Un altro passaggio importante potrebbe essere quello relativo all’atteggiamento verso la Buona Scuola. In diverse circostanze Bussetti ha dichiarato di non ritenere sbagliata in toto la legge e di voler ricorrere a modifiche e non a cancellazioni o stravolgimenti. Il primo provvedimento rispetto alla chiamata diretta ha però clamorosamente bocciato quello che sosteneva il provvedimento precedente. Non resta comunque che aspettare mercoledì e ascoltare dalla viva voce del Ministro le sue intenzioni sulla scuola.