Assegnazioni provvisorie, Malpezzi (PD): “Riconfermare docenti di sostegno nelle stesse scuole”
Assegnazioni provvisorie, Malpezzi (PD): “Riconfermare docenti di sostegno nelle stesse scuole”

La senatrice Dem Simona Malpezzi chiede al Miur la riconferma dei docenti di sostegno nelle stesse scuole in cui hanno insegnato quest’anno. Lo fa direttamente dal suo profilo Facebook con un semplice post. Nel testo rende noto al pubblico dei social una sua iniziativa personale, ovvero un’interrogazione parlamentare (con carattere di urgenza) indirizzata ovviamente al primo inquilino del dicastero di Viale Trastevere.

Assegnazioni provvisorie: la senatrice Malpezzi vorrebbe riconfermare i docenti di sostegno (specializzati) nelle stesse scuole di quest’anno

Il lungo messaggio a Bussetti su Facebook riguarda il tema delle assegnazioni provvisorie. Viene posta l’attenzione più specificatamente ai posti disponibili per i docenti di sostegno. Tali posti, per quest’anno, sono stati ricoperti dagli insegnanti di ruolo trasferiti nel 2015 dall’algoritmo ministeriale. Dal prossimo 1° di settembre questi insegnanti potranno trovarsi a lavorare presso un’atra sede di lavoro.
Ecco cosa dice la senatrice del PD all’interno del suo post: “In un Paese come il nostro che, in materia di inclusione, ha un quadro legislativo così evoluto e chiaro, il sostegno ai bambini e ragazzi con disabilità presenta alcuni problemi”. Poi prosegue: “Uno di questi riguarda l’assegnazione di posti di sostegno affidati a personale ‘non specializzato’ che non possiede alcuna formazione specifica per i fruitori finali del servizio e che svilisce -contemporaneamente – il ruolo e le finalità sociali e formative dei docenti di sostegno”.

Infine, conclude: “L’intesa siglata lo scorso 28 giugno tra il Miur e i sindacati sulle utilizzazioni e le assegnazioni provvisorie del personale della scuola, peggiora il quadro”.
Molto amaro in bocca per la Malpezzi a seguito della decisione intrapresa dal Miur a proposito dei docenti non ancora specializzati. Intraprendere questa svolta, assegnare cioè i posti di sostegno ai docenti senza titolo, per la senatrice PD “impedirà a molti bambini e ragazzi di avere in classe l’insegnante di sostegno dell’anno precedente che verrà sostituito da un altro, pregiudicando seriamente la continuità didattica, che, lo ricordo, dovrebbe comunque riguardare tutta la classe e non il singolo docente”.

Loading...

Malpezzi: Bussetti emani il regolamento che permette alla famiglia di poter richiedere la riconferma degli stessi docenti di sostegno anche per il prossimo anno

Per Simona Malpezzi, dunque, riconfermare i medesimi posti di sostegno ai docenti specializzati consentirebbe all’intera comunità scolastica di mantenere alto lo standard qualitativo dell’insegnamento.
L’interrogazione parlamentare di Simona Malpezzi pone dunque al Ministro Bussetti una precisa domanda a proposito delle sue intenzioni circa l’emanazione d’urgenza del regolamento applicativo dell’articolo 14 comma 3 del DL 66/2017. Quel comma prevede che, “al fine di agevolare la continuità educativa e didattica, il dirigente scolastico, su richiesta della famiglia e valutato l’interesse per l’alunno, possa confermare il supplente per l’anno scolastico successivo, fermo restando la disponibilità di posti per le operazioni riguardanti il personale a tempo indeterminato”. Tuttavia, nello stesso articolo e in quello stesso comma non viene specificato se il docente da riconfermare sia in possesso della specializzazione o meno.

Loading...