Dichiarazioni Bussetti: ci si aspettava molto di più, tanti i delusi
Dichiarazioni Bussetti: ci si aspettava molto di più, tanti i delusi

L’audizione tenuta dal Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti davanti alle Commissioni congiunte di Camera e Senato ha fatto storcere il naso a moltissime persone. Soprattutto ai tanti elettori del comparto scuola che hanno votato e riponevano tante speranze nei confronti dell’attuale governo.  Quello che è piaciuto meno sono state le dichiarazioni sui diplomati magistrali e sull’alternanza scuola-lavoro, ma in generale sono rimasti delusi tutti coloro che si aspettavano, come più volte ventilato in maniera netta in campagna elettorale, l’abolizione della tanta odiata Buona Scuola.

Il Ministro Bussetti e le sue dichiarazioni ‘troppo leggere’

Ai principali attori del mondo scolastico non è andato giù il modo in cui sono state trattate alcune tematiche e soprattutto i rimedi (in alcuni casi i non rimedi) messi sul tavolo per affrontarle e risolverle. Chi si attendeva una autentica rivoluzione del comparto scuola con l’immediata cancellazione della Buona Scuola sarà rimasto totalmente deluso. Come sono rimasti senz’altro delusi coloro che hanno a cuore (e anche nella testa e nel portafogli) il problema relativo ai diplomati magistrali.
Il Ministro ha tenuto a precisare senza mezze misure che le sentenze vanno rispettate senza eccezioni, facendo rimanere di stucco coloro che si aspettavano una positiva risoluzione della vicenda. Sull’alternanza scuola-lavoro ci si aspettava che l’attuale governo prendesse delle posizioni nette e spazzasse via senza indugi il tentativo miseramente fallito durante lo scorso anno scolastico. Bussetti invece ha parlato di idea interessante che va solamente registrata meglio. Nemmeno una parola sui fondi da destinare alle scuole paritarie, altro tema sbandierato in maniera viscerale in campagna elettorale. La sensazione, ma a questo punto si può tranquillamente parlare di certezza, stando alle dichiarazioni ogni volta rilasciate dal Ministro dell’Istruzione, è che la Buona Scuola sarà effettivamente modificata leggermente e non come tutti si aspettavano (come fortemente gridato prima del voto) spazzata via e cancellata definitivamente.