Decreto scuola ultime notizie, i docenti di terza fascia con servizio pretendono il PAS
Decreto scuola ultime notizie, i docenti di terza fascia con servizio pretendono il PAS

Ultime notizie 25/7 Abilitati Pas – In questi giorni si sta parlando del “decreto salva maestri”. Si tratta di un emendamento al Decreto Dignità proposto dal Movimento Democratico e progressista (Mdp) e da Liberi e Uguali (Lu), e che vede come primo firmatario l’Onorevole Epifani, ma anche Bersani, Speranza ed altri noti esponenti politici.
Il testo dell’emendamento è facilmente reperibile sul sito del portale Orizzonte Scuola. Questo emendamento propone l’inserimento in Gae degli insegnanti abilitati attraverso il percorso Tfa, i Diplomati Magistrali ante 2001/2002 e i laureati Sfp. Lo scopo è dunque quello di porre fine alla discriminazione operata in questi anni e in questi mesi (dopo la sentenza della Plenaria sopravvenuta lo scorso dicembre) ai danni in particolare dei Dm. Ma si vorrebbe dare stabilizzazione anche ai molti insegnanti precari appartenenti alle altre “categorie” indicate nel decreto di modifica, sfruttati in questi anni con molteplici assegnazioni di supplenze senza un futuro ben chiaro. Nell’elenco però non sono inclusi gli abilitati Pas.

Il parere dell’Anief: Pas discriminati

Il sindacato Anief in questi anni si è schierato in prima fila dalla parte dei molti insegnanti abilitati (a prescindere dalla tipologia di abilitazione), esclusi dalle Gae e dal piano delle assunzioni. Il presidente Marcello Pacifico vede con positività l’emendamento presentato, ma guarda con rammarico l’esclusione da questo piano di “salvataggio” gli abilitati Pas (Percorso Abilitante Speciale). Lo stesso sindacalista considera un “limite fermarsi all’inclusione nelle Graduatorie ad esaurimento solo di alcune categorie di abilitati all’insegnamento”, trovando ciò discriminatorio, e impedendo a questi insegnanti la futura stabilizzazione.

Loading...

Le reazioni dei Pas sui social

La lettura della proposta di modifica in questione ha messo in allarme gli abilitati Pas. Sui social molti sono i commenti al riguardo. In primo piano viene lamentata la mancata parificazione di due titoli abilitativi (Tfa e Pas) da sempre posti sullo stesso piano giuridico, e ora ingiustificatamente separati. I Pas “minacciano” già di far sentire la loro voce e far valere i loro diritti. Il presagio sarà dunque quello dell’ennesima pioggia di ricorsi presso il Tar e i vari tribunali del lavoro.
Regna però tra i diretti coinvolti anche molta confusione che va chiarita: tra i vari commenti si legge anche chi sostiene che i Pas siano inclusi tra i Tfa sebbene non siano stati citati. Da come però appare scritto il testo, il mancato riferimento agli stessi non allude a una loro tacita inclusione. Si attendono comunque ulteriori eventuali chiarimenti in merito da parte di fonti certe.

Loading...