Fit, Lombardia: molti ritardi, occasione mancata docenti abilitati
Fit, Lombardia: molti ritardi, occasione mancata docenti abilitati

In Lombardia le commissioni sono molto in ritardo relativamente alla procedura per l’ammissione dei docenti abilitati al percorso Fit a.s. 2018/2019. In linea generale, i tempi molto dilazionati impedirebbero agli idonei, quasi sicuramente, di poter iniziare con il piede giusto il loro percorso di formazione già a partire dal 1° settembre 2018.

Percorso Fit, Regione Lombardia: molto ritardo delle commissioni esaminatrici alle prove concorsuali per docenti già abilitati

Non sono tante le classi di concorso a lamentare ritardi relativi all’ultimazione delle prove concorsuali. In particolare si aspettano le date precise per quanto concerne i colloqui finali. Vediamo nel dettaglio quali classi di concorso sarebbero interessate dalla lentezza burocratica poc’anzi esposta.
Ecco, in dettaglio, l’elenco delle classi di concorso ancora in ritardo rispetto la tempistica già calendarizzata:

  • A34;
  • AJ55;
  • ADMM;
  • ADSS;
  • AD01;
  • ADA5.

Per quanto concerne il sostegno poi, si creerebbe una situazione assolutamente deprecabile. Tali posti infatti risulterebbero vacanti dato che  le attuali graduatorie sul sostegno risultano di fatto esaurite.
Questo rischio sarebbe molto concreto in quanto l’ultima data utile del calendario relativo alle prove orali riporta la data del 6 agosto. Considerato che dal giorno della convocazione a quello della prova dovrebbero trascorrere al massimo 20 giorni, la data delle stesse dovrebbe coincidere con il 27 agosto 2018.

Potrebbe interessarti:  Concorso infanzia e primaria straordinario: la prova orale

Le cause del ritardo delle commissioni per l’accesso al percorso Fit a.s. 2018/2019

Permangono tutt’ora sconosciute le cause del pregnante immobilismo delle commissioni d’esame in regione Lombardia. Questa reiterata situazione comporterà come conseguenza diretta l’accavallarsi di problemi sugli organici a partire dall’inizio del nuovo anno scolastico.
E’ vero anche che i componenti delle suddette commissioni sono docenti a tutti gli effetti a cui spetta da contratto di usufruire delle meritate ferie. Tuttavia, bisogna ricordare anche che quando i docenti hanno accettato tale incarico, di fatto, hanno assunto (senza nessuna clausola scritta) anche una responsabilità morale a cui adempiere.
Il problema, quindi, permane per i futuri docenti ai quali doveva essere loro garantito con la massima celerità la partecipazione alle procedure di ammissione al percorso FIT ma che invece ancora oggi, govedì 2 agosto, attendono con ansia di sapere le sorti loro spettanti per quanto riguarda l’a.s. 2018/19.