Bonus merito: già a settembre l’accredito sui C/C dei docenti
Bonus merito: già a settembre l’accredito sui C/C dei docenti

Lo stipendio di settembre per alcuni docenti riserverà una buona sorpresa: una maggiorazione del proprio stipendio dovuta alle somme del bonus merito.

Stipendio di settembre incrementato della somma del bonus merito a.s. 2017/2018

In buona sostanza, già a partire dal cedolino di settembre i docenti più meritevoli potranno percepire un extra sulla rata del proprio stipendio: si tratta del bonus al merito, istituito come sappiamo nel 2015 attraverso la Buona Scuola di Renzi.
La notizia è stata divulgata proprio questa mattina dal sito specializzato Orizzontescuola.it. La nota testata giornalistica dichiara che proprio in questi giorni l’Amministrazione centrale starebbe provvedendo ai trasferimenti verso le scuole relativamente alle somme dovute per questo specifico compito.
Tali somme serviranno alle Istituzioni scolastiche per dare corso ai mandati di pagamento verso quei docenti, i quali si sono distinti per l’impegno professionale mostrato nel corso dell’anno scolastico 2017/2018. Le risorse e la loro ripartizione potrà avere corso grazie all’intesa siglata lo scorso 25 giugno c.a. tra il Miur e i Sindacati rappresentativi.

Criteri di assegnazione del bonus merito e procedure

Per quanto concerne i criteri di assegnazione delle risorse si seguiranno le seguenti procedure:

  • l’80% in proporzione al numero di posti relativi alla dotazione organica del personale docente di ogni scuola;
  • il restante 20% sulla base di fattori di complessità delle istituzioni scolastiche e delle aree soggette a maggiore rischio educativo.
Potrebbe interessarti:  Unicobas Milano: ricorso rivolto a tutti i docenti per il recupero integrale della ricostruzione di carriera

Per ciò che attiene invece alle risorse disponibili, bisogna sottolineare che quest’anno l’importo totale ammonta a 130 milioni di euro. Questa somma dovrà suddividersi per tutte le scuole del territorio nazionale.
L’anno scorso l’ammontare degli stessi trasferimenti sono stati pari a 200 milioni di euro; a regime, infine, la somma annuale destinata al bonus di merito si attesterà a 160 milioni di euro (l’80% dell’importo riconosciuta ad oggi per questa specifica misura).

Le novità del 2018: anche i docenti precari potranno essere destinatari del bonus merito

Per quest’anno, un’importante novità sarà rappresentata dall’attribuzione del bonus al merito anche ai docenti precari. L’accordo del 25 giugno scorso, tra il Miur e le OO.SS., ha sancito questa ulteriore ed importante decisione che pone fine alla deprecabile discriminazione messa in atto, oramai da troppo tempo, nei confronti degli insegnanti a tempo determinato.