Scuola, DL Dignità Di Maio nella bufera: 'Peggio della Buona Scuola di Renzi'

Continuano le polemiche riguardanti l’approvazione del Decreto Dignità, contestato a gran voce dall’opposizione: in modo particolare, per quanto riguarda la scuola, il provvedimento messo a punto dall’esecutivo Conte viene considerato, addirittura, peggiore dell’odiatissima riforma Buona Scuola ideata dall’ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Il giudizio del vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, Ermanno Russo, è lapidario.

Decreto Dignità: ‘Il Governo sta facendo peggio della Buona Scuola di Renzi’

‘Se l’obiettivo era eliminare le sacche di precariato che infarciscono il sistema Italia, non soltanto questo governo non l’ha centrato, rischiando di eliminare i precari piuttosto che il precariato, ma in queste ore sta riuscendo a fare di più e di peggio: sta riuscendo, è quasi riuscito cioè, ad eguagliare il primato di Renzi con la cosiddetta riforma della Buona Scuola, trasformando il famoso Decreto Dignità in un boomerang per i lavoratori e le loro famiglie’, queste le parole dell’esponente di Forza Italia.

Potrebbe interessarti:  Boccia (PD): il nuovo PD si dissoci dalla Buona Scuola

Decreto Dignità: ‘Questo Governo insegue spot mediatici non la soluzione dei problemi’

‘Se non fosse pericoloso, questo decreto sarebbe grottesco e ridicolo: invece rischia di rivelarsi un drammatico boomerang per tante famiglie che sbarcano il lunario con contratti a termine – ha aggiunto Ermanno Russo – È chiaro che il precariato va combattuto e possibilmente ridotto all’osso ma servono interventi chirurgici, non sommari ed ideologici. Se manca una visione complessiva del problema occupazionale, difficilmente ci sarà una risposta all’esigenza dei cittadini. Questo Governo insegue spot mediatici e non la soluzione dei problemi. Il Decreto Dignità di Di Maio finirà per scontentare tutti, più e peggio della Buona Scuola di Renzi‘, così ha concluso il vicepresidente del Consiglio regionale della Campania.