Studio Legale Santonicola: domande su Concorso Riservato, Fase Transitoria
Studio Legale Santonicola: domande su Concorso Riservato, Fase Transitoria
Nuova rubrica settimanale da parte dello Studio Legale Santonicola. 

Domande della settimana: lo studio Santonicola risponde

QUESITO NUMERO 1

PARTECIPAZIONE AL CONCORSO RISERVATO FASE TRANSITORIA, SCUOLA SECONDARIA, A SEGUITO DI DECRETO MONOCRATICO CAUTELARE. Gentile Avvocato, sono uno dei tanti ricorrenti AFAM che hanno ottenuto, con il suo ricorso, l’accesso al colloquio orale non selettivo. Posso aspettare l’udienza di eventuale conferma del decreto monocratico provvisoriamente favorevole o sono obbligato a chiedere, da subito, la partecipazione al concorso, considerato che le date in calendario, riferite alla lettera del mio cognome, sono molto ravvicinate? Avv. Ciro Santonicola. Gentile docente, è stato concesso il decreto monocratico perché il Consiglio di Stato (Presidente di Sezione) ha ravvisato un’urgenza estrema, tale da non consentire nemmeno di attendere la discussione in camera di consiglio. Per questo motivo dovrà domandare, da subito, la partecipazione al colloquio concorsuale. Si clicchi sotto per visualizzare le info necessarie al fine di procedere:
https://scuolalex.it/accoglimento-in-fase-cautelare-ricorsi-per-accesso-concorso-2018-non-selettivo/

QUESITO NUMERO 2

SCUOLA SECONDARIA DI I E II GRADO – RICORSO PER ACCESSO AL CONCORSO RISERVATO 2018, FASE TRANSITORIA. IL CASO DELLA CLASSE CONCORSUALE “A066”. Carissimo Avvocato sono un insegnante con diploma in ragioneria. Purtroppo, al momento, per i soli A066, il decreto monocratico è stato di provvisorio rigetto. So bene che, riguardo alla nostra categoria, esistono orientamenti provvisoriamente negativi, non vostri, che hanno ostacolato il percorso giudiziario. Possiamo ancora giocarcela? Avv. Aldo Esposito. Gentile docente, in riferimento ai soli ricorrenti “su classe A066”, considerata l’esistenza di un precedente sfavorevole in Consiglio di Stato, nello specifico ordinanza n. 3724 del 06/08/2018, il Presidente di Sezione non ha concesso, per ora, la cautelare, ritenendo indispensabile una discussione, al cospetto del collegio giudicante, fissata per il 13 settembre 2018.
Potrebbe interessarti:  Stabilizzare i docenti precari: la strategia di MSA (comunicato)
Nulla è perduto! La vera sede nella quale si affronterà la domanda cautelare di partecipazione al concorso è quella collegiale, descritta dall’art. 55 c.p.a. (gli avvocati si troveranno al cospetto del Collegio Giudicante e delle controparti, se costituite). Nell’ambiente, denominato “camera di consiglio”, nella data del 13 settembre 2018 (per quanto concerne i ricorrenti sulla classe A066), sarà riepilogato, in modo sintetico, il ritenuto fondamento della vertenza. L’esito cautelare, denominato ordinanza, verrà reso noto nei giorni successivi alla discussione orale (potranno trascorrere anche un paio di settimane). La decisione si tradurrà:
  • Nella conferma del precedente decreto monocratico di rigetto.
Oppure
  • Nell’accoglimento della vertenza, per la quale era stato emesso un decreto monocratico provvisoriamente negativo.