Vaccini: a Milano niente scuola per chi non è in regola
Vaccini: a Milano niente scuola per chi non è in regola
Continua il dibattito Vaccini, una questione oramai annosa, che sembra ben lontana da una risoluzione. Alla vigilia dell’apertura delle scuole a Milano, è stato annunciato ufficialmente che gli alunni che non hanno la copertura vaccinale e/o l’opportuna certificazione attestante la prenotazione, non potranno entrare a scuola. A dover completare ancora l’iter sarebbero 600 famiglie.

Vaccini: le dichiarazioni di Anna Scavuzzo

Anna Scavuzzo, vicesindaco di Milano, ha ribadito la linea dura che si manterrà nel prossimo futuro: ‘Il Milleproroghe e le modifiche normative che stanno discutendo a Roma – ha dichiarato – non hanno ancora effetto’. Il ministro dell’istruzione Marco Bussetti ha promesso che a breve ci saranno le dovute precisazioni riguardanti l’obbligatorietà vaccinale. Intanto, il Comune di Milano ha scritto alle precitate 600 famiglie, che risulterebbero non essere ancora in regola. Scavuzzo ha spiegato: ‘Per loro e per continuare l’opera di informazione e di dialogo, apriremo un servizio assieme all’assessore all’Educazione Laura Galimberti…’.
Potrebbe interessarti:  Cronaca, Gela (CL): genitore evade dai domiciliari per picchiare il professore del figlio
Scavuzzo ha infatti precisato che come supporto per la compilazione dei moduli o per la consegna della mancante documentazione ci sarà il centro di documentazione del Comune dell’Alzaia Naviglio Grande 20. Per la presentazione dei documenti c’è tempo dal 3 al 7 Settembre 2018. Dopo di ciò, le porte saranno chiuse, come previsto dalle regole. 

Milano, bambini da regolarizzare ai vaccini

Dei 33 mila bambini iscritti alle scuole comunali di Milano, il 2% deve ancora regolarizzarsi dal punto di vista vaccinale. Il vicesindaco ha però precisato: ‘Non tutti sono inadempienti, di alcuni si sta attendendo la traduzione, in quanto di Paesi terzi, di altri mancano i certificati di avvenuta immunità o la certificazione che attesta la prenotazione…’.