Incontro tra Bussetti e sindacati: si torna al tavolo lunedì 27 agosto

L’incontro dello scorso 23 agosto con il Ministro Marco Bussetti ha riguardato esclusivamente l’obbligo dei vaccini nelle scuole, dal momento che erano presenti esclusivamente le organizzazioni sindacali della dirigenza scolastica: dei contenuti dell’incontro e della posizione della CGIL è stata scritta scritto una dettagliata notizia sul sito del sindacato di Corso d’Italia. In questa sede si intende tornare sull’argomento per dare conto più dettagliatamente dell’incontro stesso e degli impegni che lo stesso Ministro si è assunto in previsione dell’avvio dell’anno scolastico.

La Nota della Cgil

E’ stato intenzionalmente deciso, trovando la convergenza di CISL FSUR e UIL RUA, di circoscrivere la discussione al tema degli obblighi vaccinali e alle connesse responsabilità della dirigenza. Evitare di porre alla discussione le tematiche più generali legate alle operazioni di inizio anno del personale docente e Ata scolastico è stata una scelta politica, dal momento che all’incontro di ieri erano presenti solo i sindacati rappresentativi dell’area della dirigenza scolastica.

Questa scelta, condivisa con CISL FSUR e UIL RUA, ha consentito di chiedere unitariamente al Ministro Bussetti impegni precisi e tempi brevi per discutere le numerose emergenze legate all’avvio dell’anno scolastico. Di conseguenza è stato concordato per lunedì 27 agosto un incontro con la Direzione del Personale sulle supplenze docenti e Ata, martedì 28 agosto mattina un incontro con la direzione del personale, dott. Chiné, per discutere di questioni urgentissime legate all’avvio dell’anno scolastico:

  • Operazioni di mobilità annuali
  • Assunzioni in ruolo e presa di servizio
  • Graduatorie supplenze docenti e ATA
  • Organico di fatto
  • Reggenze e indennità DSGA
  • Stabilizzazione CO.CO.CO
  • Contingente scuole Italiane all’Estero

Il prossimo appuntamento

È stato fissato un aggiornamento con il Ministro per il 29 agosto per affrontare fin da subito temi di più ampio respiro quali i seguenti:

1) Contratto

  • Assegno perequativo da gennaio
  • Risorse per il CCNL 2019/2021
  • Stipendi europei
  • Attuazione del contratto, accordo relazioni sindacali MIUR sindacati
  • Ripresa trattativa dirigenza Istruzione e ricerca
Potrebbe interessarti:  Diplomati magistrali depennati da Gae prima del merito

2) Investimenti

  • Personale stabile ed eliminazione precarietà (ex LSU e personale cooperative)
  • Edilizia di risanamento ma anche nuova edilizia (recupero Piano Profumo) – Revisione del Dlgs 81/2008 sulla sicurezza nella scuola
  • Adeguamento configurazione del Sidi
  • Generalizzazione Assistenti tecnici nelle scuole del primo ciclo

3) Autonomia

  • sburocratizzazione del lavoro (Tavolo permanente di confronto sulle semplificazioni tramite organismo paritetico)

4) Personale ATA

  • Organici (aumento posti in organico di fatto e revisione parametri)
  • Revisione regolamento supplenza

5) Concorsi

  • Concorso ordinario DSGA e riservato per facenti funzioni
  • Concorso insegnanti religione e FIT

6) Docenti

  • Reclutamento, insufficienza attuali graduatorie rispetto ai posti disponibili

7) Educatori

  • Organici e reclutamento

8) Sostegno

  • Elevato numero posti scoperti soprattutto nelle regioni del centro nord

9) Diplomati magistrali

  • Rescissione contratti personale incluso in graduatoria, forti disomogeneità sul territorio nazionale

10) Reggenze

  • Una vera emergenza. Reperimento fondi per retribuire degnamente l’enorme lavoro fatto in più da Ds e Dsga reggenti
  • Esonero vicari

11) Pensioni

  • Certificazione INPS diritto a pensione (contenzioso)

12) Mamme agrigentine

13) Avvio percorsi istituti professionali

14 ) Tavolo 0/6

15) Emergenze legate a eventi particolari (crollo del ponte a Genova, zone terremotate).

I titoli degli argomenti di cui sopra sono stati concordati unitariamente e sono stati inviati in anteprima al capo di Gabinetto dott. Chinè nel pomeriggio di ieri 23 agosto. Il prossimo incontro con il Ministro sarà per quel che ci riguarda il primo banco di prova per verificare le reali intenzioni di questo governo circa le linee di azione e gli investimenti da mettere a punto in occasione della discussione sulla prossima legge di bilancio per la qualità dell’istruzione, dell’insegnamento e del servizio per l’autonomia e per la scuola. In previsione del suddetto incontro stiamo predisponendo un dossier completo da sottoporre al Ministro, partendo dalle nostre elaborazioni presentate in occasione dell’Assemblea Nazionale della scuola del 21 e 22 marzo 2018, secondo i bisogni che emergono dalla scuola reale su tre grandi questioni: le strutture, il potenziamento dei diversi ordini di scuola, le professioni.