Scuola, flop assunzioni 2018/9: Cgil 'Ministro Bussetti, reclutamento docenti va rivisto'

Il segretario generale della Flc-Cgil, Francesco Sinopoli, ha parlato dell’apertura del nuovo anno scolastico 2018/2019 ed in particolar modo del completamento delle nomine in ruolo del personale docente, definendolo come una delle ‘emergenze’.


Assunzioni anno scolastico 2018/9 un ‘flop’ secondo Francesco Sinopoli


Sinopoli, in un editoriale pubblicato sull’edizione odierna di ‘Italia Oggi‘, sottolinea come, a fine agosto, non si riusciva a coprire il cinquanta per cento dei posti e sta pesando non poco l’ormai noto problema della differenza tra organico di fatto e organico di diritto. La Cgil, sottolinea Sinopoli, ha già fatto presente al ministro dell’istruzione, Marco Bussetti, come il sistema di reclutamento vada completamente ridefinito e, a tal proposito, il sindacato si dichiara disposto ad aprire un tavolo di trattative con l’amministrazione centrale.


Stipendi docenti e Ata devono essere all’altezza di una professione che include grosse responsabilità


Potrebbe interessarti:  Concorso DS 2011, Confintesa si appella al Presidente della Repubblica chiedendo un intervento d’urgenza

Il segretario della Cgil sottolinea come l’ultimo contratto possa essere considerato come un ‘contratto-ponte’, arrivato dopo ben 9 anni di ‘vacanza’, e diverse questioni sono ancora aperte, come quella degli stipendi e della valorizzazione professionale. ‘Gli stipendi dei docenti e del personale Ata devono essere all’altezza di una professione che include grosse responsabilità’, scrive Sinopoli su ‘Italia oggi’. Non si deve nemmeno trascurare l’aspetto della sicurezza edilizia, oltre all’adeguamento delle strutture scolastiche che possa consentire lo svolgimento di una didattica aperta e laboratoriale.La Cgil ha presentato delle proposte che intendono superare le rigidità imposte dalla legge 107, quali le ore obbligatorie per l’alternanza scuola/lavoro. Francesco Sinopoli conclude affermando come sia necessario che la discussione vada a coinvolgere anche e soprattutto le scuole e chi ci lavora.