Scuola, diplomati magistrali: Rampelli (Fdi) promette battaglia e contrattacca
Scuola, diplomati magistrali: Rampelli (Fdi) promette battaglia e contrattacca

Questa volta interviene, a proposito della vicenda sull’annunciata bocciatura dell’emendamento salva precari, il vice Presidente della Camera Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia. Quell’emendamento – sostiene Rampelli – avrebbe ‘riabilitato’ tutti i precari, con particolare riferimento ai Diplomati magistrali. Critico nei confronti dell’attuale Governo, Rampelli pone l’accento sul netto cambio di direzione (incomprensibile davvero) dei due movimenti politici che attualmente guidano questo nostro Paese.

Il dietrofront sulla riapertura delle Gae equivale a un dietrofornt in soccorso ai precari

Si va verso una bocciatura scontata di quel dispositivo che avrebbe quasi certamente posto le basi per la futura tutela dei diritti dei precari. Questo personale, paradossalmente, fino alla scorsa Legislatura è stato difeso a spada tratta dagli stessi esponenti di governo che oggi premono per la cancellazione di un emendamento approvato per sbaglio in Senato, stroncando di netto le uniche speranze rimaste in vita per riaprire le GaE agli stessi interessati.

Un comportamento davvero schizofrenico quello di Lega e M5S, in netto contrasto con quello tenuto durante la scorsa legislatura

Si tratta degli stessi esponenti politici che insieme a Fratelli d’Italia – ribadisce Rampelli – durante la scorsa Legislatura hanno fatto parte delle prime linee quando c’era da protestare, in difesa dei diritti dei lavoratori definiti irragionevolmente ‘precari’.
Tutto quello che si profila all’orizzonte, conclude Rampelli, è sicuramente un errore che si configura solo come un dietrofront istituzionale da parte della Lega e del M5S nei confronti di quei lavoratori che sono anche elettori. Inaccettabile, pertanto, la cancellazione di un emendamento che avrebbe riaperto loro le GaE, dando a una buona parte dei precari storici la possibilità di poter far parte in futuro dei ruoli dello Stato.
Ecco di seguito le dichiarazioni del vice Presidente Fabio Rampelli su questa triste vicenda.

Potrebbe interessarti:  Scuola, Legge di Bilancio 2019: in arrivo raffica di emendamenti, ecco quali

Un errore madornale non riaprire le Gae ai precari. Ecco le dichiarazioni di Rampelli

Politicamente è un errore madornale. Nella scorsa legislatura Fratelli d’Italia, Lega e il Movimento 5 stelle sono stati in prima linea in difesa dei precari.
Spesso ci siamo trovati sulla stessa lunghezza d’onda per combattere la ‘Buona Scuola’ di Renzi, che portò all’ex premier una frontale battuta d’arresto. Attenzione a non fare lo stesso errore per strabismo politico o per opposizione pregiudiziale a un emendamento della senatrice De Petris.
Il fatto che quella modifica fosse stata approvata per errore al Senato non significa che non possa essere condivisa nella sostanza, magari attraverso l’approvazione di emendamenti più congrui ma con stessi obiettivi. Si tratta di una norma di giustizia sociale tesa a stabilizzare insegnanti precari che hanno consentito per decenni la stessa esistenza del servizio scolastico per le famiglie. Lo Stato non può sfruttare gli insegnanti e poi gettarli in mezzo alla strada”.

Argomenti correlati