Milleproroghe, ultim'ora 7/9:
Milleproroghe, ultim'ora 7/9: "Soppressa riapertura delle GaE"
Il Ministro Marco Bussetti lo aveva già anticipato ed ecco la prima fase di dismissione dell’impianto alternanza scuola-lavoro, quella contenuta nel decreto Milleproroghe: l’alternanza scuola-lavoro, infatti, non costituirà requisito di ammissione alla maturità.

Maturità senza prova Invalsi, slitta anche l’alternanza scuola-lavoro

L’obbligo doveva scattare lo scorso anno ma una circolare del Ministero dell’Istruzione lo congelò per dare la possibilità ai ragazzi di poter accedere ugualmente all’ultima maturità. Ora l’emendamento al decreto Milleproroghe fa slittare tale provvedimento di un altro anno, anche se, come già anticipato dal ministro Bussetti, dovremmo assistere ad una sostanziale riduzione delle ore, specialmente nei licei.
Idem per le prove Invalsi che nell’anno scolastico 2018/2019 debutteranno nell’ultimo anno delle scuole superiori: la partecipazione ai test diventa requisito d’accesso all’esame di Stato ma non subito, bensì dall’anno successivo, cioè dal 2019/2020. I tanto temuti testi di italiano, matematica e inglese si faranno lo stesso ma continueranno ad essere slegati dall’esame di Stato.

Le graduatorie ad esaurimento restano chiuse: bonus 500 euro, le somme possono essere utilizzate entro il 31 dicembre

Per quanto riguarda le altre questioni scolastiche che riguardano il decreto Milleproroghe, vi abbiamo già parlato della ‘blindatura’ delle Graduatorie ad esaurimento, mentre un altro emendamento riguardava il bonus docenti da 500 euro riservato alla formazione e all’aggiornamento dei docenti.
E’ arrivata la conferma che le somme della Card per la formazione dei docenti di ruolo non scadono a settembre, ma possono essere utilizzate entro il 31 dicembre.
Potrebbe interessarti:  Scuola, Legge di Bilancio 2019: ecco tutte le priorità, infanzia e Sud col circoletto rosso