Scuola, emergenze supplenze e sostegno: parla il ministro Bussetti

Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, è stato intervistato dal noto portale Quotidiano.net a proposito di diverse problematiche legate al mondo della scuola, a cominciare da quella relative alle supplenze. Il numero uno del dicastero di Viale Trastevere ha affermato che il ministero sta lavorando affinchè l’avvio del nuovo anno scolastico avvenga in modo ordinato: ‘La mancanza di alcuni docenti è fisiologica – ha dichiarato Bussetti – Ma per evitare criticità strutturali occorre ripensare i meccanismi di reclutamento. E dobbiamo cominciare a farlo adesso, serve una visione pluriennale sulla scuola’.

Bussetti sulle supplenze: ‘Bandiremo concorsi che coprano le cattedre vacanti’

Bussetti ha citato le carenze in alcune discipline come la matematica oltre al fatto che sul sostegno manchino insegnanti specializzati. ‘Dobbiamo procedere a una mappatura dei bisogni – ha spiegato Bussetti – per capire quali sono i posti disponibili e bandire concorsi che coprano le cattedre vacanti. Per il sostegno occorre avviare nuovi percorsi di specializzazione. Li stiamo facendo partire, ne abbiamo parlato anche con le associazioni all’interno dell’Osservatorio sulla Disabilità che ho convocato già due volte dal mio insediamento’.

Potrebbe interessarti:  Diplomi falsi per ottenere il posto, indagato Personale ATA

‘Eccessiva precarizzazione danneggia la scuola’

Bussetti ritiene che ‘l’eccessiva precarizzazione danneggi la scuola. In termini di frustrazione delle aspettative dei nostri insegnanti e di conseguenze sul processo di apprendimento degli studenti. Dobbiamo fare ordine con l’obiettivo di ricreare un clima sereno e proficuo che serva a rilanciare la scuola’.

Anche per quanto l’emergenza relativa alla carenza dei dirigenti scolastici, il titolare del dicastero di Trastevere ha affermato che la ‘massima priorità è dare un dirigente a tutte le scuole’.