Come scegliere le scuole per la Messa a Disposizione (MaD)?
Come scegliere le scuole per la Messa a Disposizione (MaD)?

La domanda di MAD (acronimo di Messa a Disposizione), è quello strumento che offre la possibilità agli aspiranti docenti e a tutti coloro che ambiscono a lavorare all’interno della scuola di farsi conoscere dai Dirigenti Scolastici degli istituti, inviando la propria candidatura.

Domanda MAD: dove inviarla? Maggiori possibilità al Nord e nelle scuole di provincia

E’ opportuno ricordare come non esista un elenco dal quale attingere informazioni sui posti vacanti per sostituzioni: infatti, il Ministero dell’Istruzione non ha mai provveduto a fornire un elenco del genere. Pertanto, tutti coloro che intendono inviare le domande di MAD devono farlo in maniera del tutto autonoma. I consigli che, generalmente, vengono dati affinché la propria domanda di MAD possa trovare accoglimento è quello di rivolgersi, in particolare, agli istituti più piccoli situati in provincia, in quanto questi ultimi potrebbe avere bisogno di professori in misura maggiore rispetto alle scuole delle grandi città.

Sappiamo bene come le statistiche indichino che le maggiori possibilità di trovare una cattedra si trovino al Nord: la disponibilità più ampia si trova in Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna. Secondo i dati diffusi dal sito Voglioinsegnare.it, risulta che le province scelte dagli aspiranti supplenti sono soprattutto Milano, Roma, Napoli e Torino mentre, tra le province meno richieste, troviamo Livorno, Pescara, Mantova e Pisa. In queste ultime province, dunque, ci sarebbero maggiori probabilità di trovare un’opportunità di lavoro.
Per quanto riguarda, invece, le classi di concorso più ‘bisognose’, troviamo Matematica e Scienze nelle scuole secondarie di primo grado e Scienze Economico-aziendali.
Anche i docenti di ruolo possono presentare la domanda di MAD (Messa a disposizione) per poter usufruire, per un anno, dell’art. 36 del CCNL e lavorare, quindi, su altra classe di concorso o provincia.

Come inviare la domanda MAD e dove reperire gli indirizzi email delle scuole

La domanda di messa a disposizione può essere redatta in carta semplice e spedita via posta tradizionale, oppure in formato digitale (PDF/DOC) inviandola mediante posta elettronica ordinaria (PEO) oppure via posta elettronica certificata (PEC). La messa a disposizione può essere inviata anche in altre province oltre a quelle indicate in eventuale graduatoria di III Fascia. Per trovare gli indirizzi e-mail delle scuole è possibile utilizzare il sito del Miur Scuola in Chiaro.

Non vi è alcun limite nelle domande di messa a disposizione: ovviamente, più domande di MAD si inviano, maggiori sono le possibilità che possa venire assegnata una supplenza (considerando comunque il fatto di doversi trasferire in un’altra località, magari lontana da casa).
Potrebbe interessarti:  Aumento degli stipendi per docenti e ATA: i soldi ci sono