Il personale ATA attende il completamento delle graduatorie definitive di terza fascia che dovrà essere effettuato entro il 20 di settembre. In questo nostro altro articolo c’è la situazione aggiornata ad oggi delle graduatorie definitive di terza fascia. All’interno c’è anche il regolamento delle supplenze valido fino al 2021. Ricordiamo che laddove non siano ancora uscite è possibile avere una convocazione anche dalle graduatorie provvisorie. All’interno di questo spazio ci occupiamo di alcune semplici questioni che riguardano coloro che non hanno ancora fatto una supplenza all’interno della categoria ATA.

Dove far accreditare le spettanze

Chi non ha mai ricevuto una chiamata per effettuare una supplenza dovrà aver cura di comunicare la disponibilità di un conto corrente dove ricevere i pagamenti. A questo scopo può andare bene anche una Postepay Evolution, la carta di Poste Italiane, perché contiene l’IBAN necessario da fornire alla segreteria scolastica per avere i soldi disponibili in conto.

Potrebbe interessarti:  Diplomati magistrali, DMA: riapertura GaE atto di giustizia

Come ricevere una chiamata per una supplenza breve

Le modalità di chiamata possono essere diverse. In linea di massima il candidato riceve una mail PEC con tutte le caratteristiche della supplenza. In alternativa si può ricevere anche una telefonata direttamente dalla scuola. Qualora ci si trovasse nella condizione di non poter accettare l’incarico, bisogna tener presente che sarà l’unico rifiuto ammesso. Alla seconda rinuncia non si potranno più ricevere proposte di supplenza per l’anno in corso.

Part time

Esiste anche la possibilità di effettuare servizio part-time. La retribuzione è calcolata in misura proporzionale alle ore di servizio prestate, ad esempio a fronte di 18 ore di servizio prestate, su 36 ore complessive, la retribuzione sarà pari al 50% della retribuzione a prevista per il tempo pieno. In linea di massima, per 12 ore settimanali, si percepiranno circa 450 euro.