Scuola, concorso ordinario ultime notizie: docenti con 36 mesi di servizio, serve decreto ad hoc
Scuola, concorso ordinario ultime notizie: docenti con 36 mesi di servizio, serve decreto ad hoc

Il sindacato Flc-Cgil informa in merito all’incontro tenutosi in data odierna, giovedì 13 settembre, presso la sede del Ministero dell’Istruzione, in Viale Trastevere per i nuovi concorsi, ordinario e riservato, destinati alla scuola primaria e per l’infanzia, secondo quanto previsto dal Decreto Dignità.

Nella nota pubblicata dal sindacato, si informa come l’Amministrazione centrale abbia ‘informato le organizzazioni sindacali della volontà del Ministro di procedere simultaneamente con l’avvio di entrambe le procedure concorsuali, in modo da garantire anche a chi non ha il requisito dei due anni di servizio nella scuola statale, la partecipazione al concorso.’

Scuola, concorso ordinario e riservato per la scuola dell’infanzia e primaria: avviato l’iter procedurale

L’aspetto più complesso – prosegue la nota del sindacato – riguarda la definizione del contingente di posti da mettere a concorso per la procedura ordinaria. Infatti si dovrà tenere conto dei pensionamenti, della capienza residuale delle graduatorie del concorso 2016, della consistenza delle GAE a livello provinciale e dei posti che si renderanno vacanti per effetto dei provvedimenti giudiziali che riguardano i diplomati magistrali assunti con clausola risolutiva. Il 2019 dovrebbe essere anche l’anno di aggiornamento delle GAE e questo introduce un ulteriore elemento di incertezza, legato agli spostamenti territoriali degli aspiranti.’

Potrebbe interessarti:  Concorso straordinario infanzia e primaria, oggi 12/11 via alle domande

La Flc-Cgil informa, inoltre, che a breve dovrebbe essere definito il numero dei posti che potranno essere banditi. Si dovrebbe rispettare il termine fissato per il 10 ottobre riguardante l’emanazione del DM relativo ai tempi, alle modalità e ai contenuti del bando.

La Flc-Cgil ricorda come ‘il concorso ordinario sarà aperto a tutti gli abilitati, quindi i diplomati magistrali entro l’a.s. 2001/2002 ed ai laureati in scienze della formazione primaria, senza il requisito delle due annualità, mentre il concorso straordinario, sarà riservato, ai diplomati magistrali entro l’a.s. 2001/2002 ed ai laureati in scienze della formazione primaria (entro la data di scadenza del bando) che abbiano svolto almeno due anni di servizio presso le scuole statali. L’amministrazione non ha confermato la notizia secondo cui ci sarebbe già una previsione del numero dei partecipanti al concorso straordinario. Sembra invece plausibile che a differenza del concorso straordinario, quello ordinario non verrà bandito per tutte le regioni.’