Miur, non riconosce abilitazione in Bulgaria: comunicato MSA 13/9

Ecco il comunicato stampa dell’Associazione dei docenti MSA, a proposito del riconoscimento da parte  Miur del titolo di abilitazione conseguito nei paesi dell’Euro zona.

Abilitazione in Bulgaria: il Miur non riconosce il titolo come abilitante, comunicato MSA

In data 29/05/2018 il Miur ha pubblicato un chiarimento in merito al riconoscimento dell’abilitazione all’insegnamento conseguita in Bulgaria.

Questa nota, riprendendo la Direttiva 2013/55/UE, ha chiarito che per il riconoscimento delle professioni, è obbligatoria l’attestazione di conformità da parte del Paese di provenienza, il quale deve certificare che la formazione conseguita nel medesimo Paese è regolamentata ed il relativo livello della qualifica. D’altra parte, in merito ai Paesi in cui la professione e la formazione non sono regolamentate, l’accesso alla professione e il suo esercizio sono consentiti ai richiedenti che, nel corso dei precedenti dieci anni, abbiano esercitato a tempo pieno tale professione per un anno.

Di conseguenza, poiché l’autorità competente bulgara NACID con la nota n. 99-00-52 del 3 aprile 2018 ha dichiarato che una successiva formazione professionale diversa dal diploma di Laurea Biennale (Bachelor’s) o Laurea  Triennale (Master’s), che conduce al rilascio del Certificato di qualifica è considerata formazione non regolamentata, il Miur ha stabilito che le istanze dei cittadini abilitati all’insegnamento in Bulgaria, prive dell’anno di esperienza professionale a tempo pieno nelle scuole statali  bulgare durante i precedenti dieci anni, non verranno riconosciute. Di fronte a questa nota del Miur, molti che hanno conseguito l’abilitazione in Bulgaria si sono visti rifiutare la convalida del titolo.

Potrebbe interessarti:  Comitato idonei infanzia, primaria e secondaria concorso 2016: "Ruolo per gli idonei"

Poiché tale provvedimento viola i principi stabiliti dalla Convenzione di Lisbona che, ai sensi dell’art. 9, stabilisce come l’omologa potrebbe essere rifiutata solo nel caso in cui si riscontrassero differenze sostanziali – da documentare adeguatamente – tra i contenuti formativi del titolo estero e quelli del corrispondente titolo nazionale, MSA in collaborazione con i noti legali Aldo Esposito, Ciro Santonicola e Antonio Salerno, propone un ricorso individuale in sede amministrativa avverso a tale provvedimento di rigetto della convalida del titolo conseguito all’estero.

Per ricevere ulteriori informazioni, contatta MSA al numero 392-6225285 e seguici sul gruppo Facebook INFO DOCENTI TERZA FASCIA MSA