Governo e PA ultime notizie, arriva l'OK del CdM al ddl 'Concretezza': inasprita la lotta all'assenteismo

Via libera al disegno di legge Concretezza messo a punto dal governo M5S-Lega per la Pubblica Amministrazione. Più assunzioni, soprattutto nei settori strategici legati a digitalizzazione, appalti e investimenti. Tra gli aspetti più rilevanti, le impronte digitali contro gli assenteisti e lo sblocco delle stabilizzazioni dei precari. Il consiglio dei ministri di ieri ha dato l’OK al Ddl ‘Concretezza’, che nelle intenzioni del governo dovrebbe collegarsi alla manovra economica.

Governo, via libera al decreto ‘concretezza’

La ministra della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, ha così commentato il nuovo ddl ‘concretezza’: ‘Il disegno di legge si chiama concretezza perché non vuole essere l’ennesima riforma epocale ma vuole permettere alla pubblica amministrazione di cominciare a correre’.

Uno dei punti più importanti, come sottolineato dal quotidiano economico ‘Il Sole 24 ore’, è rappresentato dalla nuova tappa della lotta all’assenteismo, uno dei marchi di fabbrica, ormai, del rinnovamento della Pubblica Amministrazione (vedi Brunetta e Madia).

Potrebbe interessarti:  Scuola, dopo la Legge Fornero altro 'smantellamento': stavolta tocca alla Buona Scuola di Renzi

Impronte digitali come lotta all’assenteismo

Ora dovrebbe arrivare il turno delle cosiddette ‘rilevazioni biometriche’, vale a dire l’introduzione dei tornelli che dovranno registrare le impronte digitali di chi va in ufficio. Il sistema prenderà piede nei prossimi mesi. La ministra Bongiorno ci tiene a puntualizzare che lo strumento ‘non è punitivo ma tutela i dipendenti che lavorano, quelli che non sono fannulloni’. Questa misura arriva dopo il licenziamento per gli assenteisti rafforzato da Brunetta nel 2010, e dopo che il ministro Madia, nel 2016, ha provveduto a rincarare la dose rendendolo “sprint” (30 giorni) quando la finta timbratura è colta in flagranza. Nella scuola, la novità sarà regolata da un decreto del Ministero dell’Istruzione in accordo con Palazzo Vidoni e il garante della Privacy.