Convocazioni per le supplenze: cosa fare quando non si può andare personalmente

Tempo di convocazioni per conferire le supplenze al personale educativo docente e ATA. Può accadere di trovarsi in condizione di non poter andare nel luogo di assegnazione degli incarichi. La soluzione per superare questo problema si trova all’art. 3, comma 2 del regolamento delle supplenze. Alleghiamo di seguito anche la circolare emanata dal Miur lo scorso 28 agosto 2018 con tutte le indicazioni utili.

Supplenze2018_2-2

Art. 3 comma 2 del Regolamento delle supplenze

Hanno titolo a conseguire le supplenze mediante l’accettazione scritta della relativa proposta di assunzione gli aspiranti, utilmente collocati in graduatoria, presenti alla convocazione, personalmente o tramite persona munita di specifica delega, e gli aspiranti che abbiano fatto pervenire, nei tempi previsti, delega preventiva di accettazione al dirigente responsabile delle operazioni in questione . Non hanno titolo a conseguire le supplenze gli aspiranti che non siano presenti alla convocazione e che non si siano giovati di alcuna delle tipologie di delega sopra specificate .

Delega

Vediamo dunque cosa fare in concreto nel caso in cui non ci si possa recare di persona per accettare un incarico. Qualora ci si trovi impossibilitati a presenziare personalmente alle operazioni di conferimento delle supplenze si può nominare qualcun altro al proprio posto. Può trattarsi di una persona di fiducia oppure dello stesso dirigente responsabile delle operazioni di nomina. A questo scopo è necessario compilare una delega, della quale alleghiamo un modulo fac-simile ; nel primo caso dovrà essere presentata a mano; nel secondo bisognerà inviarla per e mail direttamente al dirigente nominato.

Potrebbe interessarti:  La Senatrice Malpezzi e la revisione del reclutamento docenti secondo il nuovo esecutivo

Contenuto

Nella delega occorrerà indicare chiaramente i propri dati con la specifica della graduatoria nella quale sì risulta inseriti per ordine di scuola, fascia, punteggio e classe di concorso. Deve essere unica e deve contenere il nome nativo della persona incaricata a rappresentare l’interessato per l’assegnazione di qualsiasi tipo di posto relativo alle graduatorie in cui si figura. Il delegato dovrà presentare anche la fotocopia del documento d’identità dell’interessato all’incarico di supplenza.