Allarme classi pollaio al Filangieri di Cava de’ Tirreni: comunicato stampa

Il fenomeno delle classi pollaio sta assumendo dimensioni sempre più preoccupanti. Aumentano le segnalazioni di classi iper affollate, nelle quali figurano anche più di due disabili ognuna, in evidente contrasto con la normativa che prevede un numero minimo di 22 alunni. Il problema delle classi pollaio affligge anche l’I.I.S. G. Filangieri di Cava de’ Tirreni. Rappresentanti sindacali, genitori degli studenti e docenti del consiglio d’istituto hanno redatto un comunicato stampa congiunto e lo hanno inviato alla nostra redazione. Ne diamo evidenza di seguito.

COMUNICATO STAMPA

I Rappresentanti Sindacali R.S.U. – T.A.S. ANIEF d’Istituto, il Rappresentante per la Sicurezza dei Lavoratori R.L.S., Genitori e Docenti del Consiglio d’Istituto I.I.S. G. Filangieri di Cava de’ Tirreni comunicano di aver posto in essere tutte le iniziative necessarie in merito alla incresciosa e preoccupante situazione che si è venuta a creare nei vari plessi dell’istituto con la formazione di classi sovraffollate e con la presenza di alunni disabili.

Potrebbe interessarti:  Google insieme a Telefono Azzurro e Altroconsumo lancia Vivi Internet, al meglio

Elenchi di classi formate da 32, 34, 36 e 40 alunni con la presenza mediamente di 1/2/3 alunni disabili gravi e meno gravi per classe, costituisce una grave limitazione al diritto allo studio ( D.P.R. 81/2009) di tutti gli alunni e nel contempo non si adempie al rispetto della normativa sulla sicurezza ( Dlgs. 81/2008 ) mettendo in serio pericolo l’incolumità di tutta l’utenza scolastica.

Pertanto, considerati i gravi problemi che tutto ciò comporta, si è deciso di segnalare ai competenti organi preposti e alle varie autorità l’estrema delicatezza e le criticità che devono essere immediatamente risolte ripristinando il numero legale per ogni classe, così come prevede la normativa scolastica vigente e quella sulla sicurezza.

R.S.U. – T.A.S. – ANIEF

R.L.S. – ISTITUTO

COMPONENTE GENITORI – DOCENTI DEL CONSIGLIO D’ISTITUTO