Pensioni scuola, turn over docenti storico con Quota 100: 'Riapriamo le GaE'
Pensioni scuola, turn over docenti storico con Quota 100: 'Riapriamo le GaE'
Il Movimento Cinque Stelle e la Lega continuano il loro lavoro in merito alla Legge di Bilancio 2019, una manovra finanziaria che, a quanto sembra, dovrebbe essere molto più ampia di quanto previsto.

Pensioni e reddito di cittadinanza, il nodo da sciogliere è quello delle coperture finanziarie

Come riportato dal quotidiano economico ‘Il Sole 24 Ore‘, ‘Prima della definizione dei numeri su deficit e debito 2019-2021 nessuna misura può ancora ottenere il “bollo” definitivo.’
Il vertice tenutosi venerdì sera, alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, dei vicepremier Salvini Di Maio oltre che dei ministri Tria e Savona, ha già dato delle sostanziali indicazioni su quelle che saranno le misure da includere nella manovra economica. Le incognite principali sono rappresentate dai costi e dalle coperture finanziarie per le due colonne portanti di Lega e Movimento Cinque Stelle, vale a dire (rispettivamente) pensioni e reddito di cittadinanza.
Sul primo fronte, la proposta della Lega sembra ormai definita con la reintroduzione delle anzianità con quota 100 (62 anni di età minimi e 38 di contributi); il Movimento 5 Stelle sta facendo pressing per far accompagnare i nuovi pensionamenti (almeno 450mila, secondo le stime annunciate dal leader della Lega Nord, Matteo Salvini) dal divieto di cumulo con altri redditi da lavoro.

Quota 100 per le pensioni con la ‘pace contributiva’, M5S in pressing per il reddito di cittadinanza

Unitamente a Quota 100, la Lega sta studiando un piano riguardante la cosiddetta ‘pace contributiva‘, una misura che andrà a coprire i mancati versamenti contributi dal 1996 in poi: costi stimati, 8-9 miliardi per il primo anno. Sul reddito di cittadinanza, il Movimento 5 Stelle, invece, insiste sul piano di partire a gennaio con le pensioni e a marzo con l’intervento a regime. Per i pensionati che attualmente sono costretti a vivere sotto la soglia di povertà, appare scontato l’utilizzo dell’Isee come indice, sulla scia del reddito d’inclusione. Costo aggiuntivo per l’attuazione della misura riguardante il reddito di cittadinanza: almeno 6,5 miliardi di euro.
Potrebbe interessarti:  Scuola, docente da record: ecco perché è stata nominata Cavaliere della Repubblica