Università, corsi a numero chiuso: nuova sentenza Tar 'Miur riapra subito le graduatorie'
Università, corsi a numero chiuso: nuova sentenza Tar 'Miur riapra subito le graduatorie'

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa inviatoci da UDU (Unione degli Universitari) in merito ad una nuova sentenza emessa dal TAR del Lazio in relazione ai corsi a numero chiuso e ai posti rimasti liberi tra quelli riservati agli extracomunitari.

Apertura graduatorie 2017/2018, ricorso vittorioso sui posti vacanti al TAR del Lazio

Con una sentenza del TAR del Lazio pubblicata in data 14 settembre 2018, sono sopraggiunte importanti novità rispetto alla problematica dei quasi 2000 posti nelle facoltà a numero chiuso nazionale rimasti liberi tra quelli riservati agli extracomunitari.

Dichiara Enrico Gulluni, coordinatore nazionale dell’UDU: “Da anni l’UDU si batte affinché questi posti siano riassegnati e non restino vacanti, andando a restringere ulteriormente la già ridotta platea disponibile per i corsi a numero chiuso nazionale. Anche per l’anno accademico 2017/2018 abbiamo presentato dei ricorsi sulla questione, sempre con il patrocinio degli Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia: ora Il T.A.R. del Lazio con una sentenza di merito ha definitivamente affermato, ponendo fine ad un orientamento controverso, i criteri di riassegnazione dei posti rimasti liberi e che verosimilmente saranno a breve utilizzati da parte del Ministero per far scorrere le graduatorie relative a tutti i corsi a numero chiuso dell’anno accademico 2017/2018. Il MIUR e gli atenei dovranno innanzitutto valutare quanti posti riservati agli extracomunitari sono rimasti vacanti; poi dovranno tenere conto di quanti studenti abbiano diritto all’immatricolazione per effetto di provvedimento giurisdizionale favorevole; successivamente, potranno assegnare i posti residui mediante il “normale” scorrimento delle graduatorie. Chiediamo quindi che già quest’anno, all’uscita delle graduatorie, se si dovesse verificare nuovamente la situazione di posti rimasti liberi, il Ministero proceda immediatamente con la riapertura delle graduatorie”.

Potrebbe interessarti:  Scuola, Legge di Bilancio 2019: in arrivo raffica di emendamenti, ecco quali

Miur dovrà finalmente scorrere le graduatorie

L’avvocato Michele Bonetti dichiara: “Si tratta di un provvedimento che costringe il MIUR a far scorrere finalmente le graduatorie. Ancora una volta abbiamo avuto la dimostrazione che questo sistema deve essere superato. Le irregolarità ogni anno continuano ad essere molteplici, e su quelle continueremo a dare battaglia. Anche quest’anno sono arrivate numerose segnalazioni, che stiamo verificando e valutando ai fini di promuovere ricorsi collettivi che permettano l’accesso in sovrannumero di quanti più studenti possibili. Prendiamo ad esempio un fatto emerso dai giornali in questi giorni, ovvero i plurimi accessi ai motori di ricerca sulle domande del test, avvenuti durante lo svolgimento della prova: questo fa senza dubbio presupporre una violazione palese delle norme, ma difficilmente il fatto potrà portare ad una ammissione generalizzata, considerando l’esito negativo di una situazione analoga avvenuta nel test di accesso alle scuole di specializzazione di tre anni fa. Ad oggi ci stiamo concentrando sull’analisi di alcune domande la cui soluzione data dal Ministero potrebbe risultare errata. Stiamo ultimando le nostre verifiche e a breve sapremo dare indicazioni precise rispetto ad azioni legali sulla questione”.

Conclude Gulluni: “Esprimiamo soddisfazione per questa sentenza, che sancisce, ancora una volta, come le nostre ragioni siano giuste. Ora il Ministero dovrà riaprire immediatamente le graduatorie per permettere agli studenti di immatricolarsi in tempi utili. E oltre a questo, dovrà avviare con gli studenti un dialogo per affrontare seriamente il tema del numero chiuso: il Governo dimostri che il cambiamento non è solo uno slogan vuoto!”.