Il voto di laurea continuerà a servire nei concorsi

Sul voto di laurea la stampa nazionale aveva dato ieri la notizia che non sarebbe più servito nei concorsi pubblici. Gli articoli riprendevano una proposta di legge del MoVimento 5 Stelle a firma Maria Pallini. Così scriveva Il Messaggero al riguardo: “divieto di inserire il requisito del voto di laurea nei bandi dei concorsi pubblici”. In realtà si tratta di una clamorosa fake news, figlia del pregiudizio in seno alla Stampa nazionale che risale ad una vecchia discussione di 9 anni fa. Stiamo parlando dell’ abolizione del valore legale del titolo di studio che nulla ha a che vedere con la proposta di legge di cui si sta parlando.

Distorsione della realtà

Lo stesso titolo usato “«Il 110 e lode non serve»: nuove regole per cancellare i meriti dei neolaureati”, è completamente fuorviante. L’attenzione del lettore viene catturata immediatamente destando in lui sgomento e un sentimento di ribellione a questa proposta. In questo modo si stravolge tutto il senso della discussione, fornendo un quadro completamente sbagliato. Si tratta di una forzatura prontamente contestata dalla stessa firmataria della proposta di legge in questione. Il voto di laurea continuerà a servire eccome!

Potrebbe interessarti:  Concorso Docenti: novita assunzioni 2019

La smentita

Doveroso quindi intervenire per ristabilire la correttezza dell’informazione. È la stessa Maria Pallini a fare precisazione sull’intera vicenda. È quindi strumentale fare riferimento a un presunto orientamento del Movimento 5 Stelle a favore dell’abolizione del valore legale del titolo di studio che non è per nulla contemplata nella proposta. Si precisa, inoltre, che nella posizione del Movimento non esiste alcuna intenzione di vanificare la meritocrazia non riconoscendo il valore di un titolo di studio il cui conseguimento richiede molti sacrifici. Per questo motivo, non si esclude e anzi si incoraggia la possibilità di introdurre in ciascun bando concorsuale l’attribuzione di un punteggio a seconda del voto ottenuto che concorra a definire la graduatoria di merito dei concorsi.