Scuola, assegnazioni docenti alle classi: ecco i chiarimenti del senatore Pittoni
Scuola, assegnazioni docenti alle classi: ecco i chiarimenti del senatore Pittoni
Il Presidente della Commissione Cultura al Senato, Mario Pittoni, ha pubblicato sul quotidiano ‘Italia Oggi‘ una nota riguardante l’assegnazione dei docenti alle classi. Il senatore è partito dalla considerazione relativa all’accorpamento di molte scuole in un unico istituto scolastico: tutto ciò ha prodotto la formazione di istituzioni scolastiche comprendenti plessi che, molto spesso, risultano ubicati in Comuni diversi.

Assegnazioni docenti alle classi: evitare quelle arbitrarie

Ne deriva che, come abbiamo già sottolineato in precedenza, i dirigenti scolastici hanno provveduto all’assegnazione di una cattedra a un docente in un Comune che non è quello dell’insegnante. Tale disposizione viene giustificata dal raggiungimento degli obiettivi contenuti nel piano dell’offerta formativa. Il senatore Pittoni sottolinea come la cancellazione dell’ambito come centro di titolarità del docente, secondo quanto contenuto nel disegno di legge presentato dallo stesso Pittoni, abbia valorizzato ulteriormente l’appartenenza alla singola istituzione scolastica autonoma.

Pittoni prende come esempio ciò che accade per il Personale Ata

La contrattazione integrativa nazionale e territoriale, nonché quella territoriale – sottolinea Pittoni – possono dettare le regole al fine di poter garantire la migliore dislocazione geografica di tutto il corpo docente. Tutto ciò per scongiurare lo sconfinamento del potere organizzativo del dirigente scolastico rispetto alle esigenze personali e familiari del docente. Il senatore Pittoni, al termine della propria considerazione, ricorda come tali regole siano già messe in pratica nei confronti del personale ATA, per il quale non è mai esistita la titolarità di plesso. In pratica, si sottolinea come l’istituto del contratto rappresenti il migliore strumento al fine di evitare assegnazioni arbitrarie da parte del dirigente scolastico.
Potrebbe interessarti:  Concorso Straordinario, gli insegnanti di ruolo a pieno titolo possono partecipare?