Scuola, reclutamento: come si diventerà insegnanti col Governo Lega-M5S?
Scuola, reclutamento: come si diventerà insegnanti col Governo Lega-M5S?

Per diventare insegnanti della scuola, col Governo Lega-M5S si delinea un percorso fatto di abilitazione, concorso per docenti con servizio e concorso per laureati. In alcuni casi si tratta di provvedimenti annunciati, ma che ancora devono essere confermati. Partiamo a parlare del reclutamento della scuola secondaria.

Reclutamento scuola secondaria: correttivi al decreto 59/2017

Il Senatore Pittoni della Lega ha annunciato i correttivi al decreto 59/2017, tramite i quali sarà possibile abilitarsi in modo diverso, a secondo che si abbiano o meno anni di servizio alle spalle. Il DDL Pittoni prevede che vi sia l’assunzione per i docenti che abbiano svolto 36 mesi di servizio su posto vacante e disponibile, a partire dal 1° settembre 2016. Per essere assunti, sarà necessario abilitarsi. Al momento, il DDL è fermo alle VII Commissione Cultura e si attende che venga discusso.

I concorsi previsti e il FIT

Per docenti con servizio sono previsti concorsi biennali e il Ministro Bussetti ha parlato di avviare concorsi dedicati ai soli laureati, con la possibilità che i 24 CFU vengano trasformati da requisito, in titolo aggiuntivo. Sarà ancora necessario seguire il FIT, o percorso di formazione, ma in base a quanto detto dal Ministro, i tempi potrebbero subire delle modifiche in quanto considerati eccessivi.

Potrebbe interessarti:  Emendamenti alla LdB, scuola: cosa chiedono Lega e M5S

Assunzioni con concorsi infanzia e primaria

Sono previsti due concorsi per il reclutamento nella scuola dell’Infanzia e primaria, che potrebbero essere avviati contemporaneamente. Il primo è il concorso straordinario per diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/02 e laureati SFP, che richiede 2 anni di servizio specifico nella scuola statale per l’ordine richiesto negli ultimi 8 anni. Per il sostegno si accede solo se in possesso del titolo. Il secondo è il concorso ordinario, aperto agli abilitati per infanzia e primaria senza alcun requisito di servizio. Il primo provvedimento è atteso per fine anno, il secondo dovrebbe essere contestuale, ma non vi son indicazioni precise.