Transitorio: pubblicato il decreto per l’accantonamento dei posti per le GRME

Il Miur ha emanato il Decreto ministeriale 631/18 che prevede che i docenti presenti nelle graduatorie di merito del concorso 2018 pubblicate entro il 31 dicembre possano effettuare la scelta degli ambiti territoriali nei quali svolgere il terzo anno del FIT a partire da settembre del 2019. Il decreto in questione disciplina l’accantonamento dei posti per i docenti utilmente collocati nelle GMRE. Parallelamente la decorrenza giuridica delle immissioni ruolo viene fissata al 1° settembre 2019. Rimettiamo di seguito il contenuto del decreto.

Il decreto ministeriale

1. Al fine di garantire il recupero delle facoltà assunzionali per l’anno scolastico 2018/19. nel caso di incapienza delle graduatorie del concorso bandito con DDG 23 febbraio 2016, n. 106 e 107 e delle graduatorie ad esaurimento di cui all’articolo l, comma 605, lettera c), della legge 29 dicembre 2006, n. 296, gli aspiranti utilmente collocati a pieno titolo nelle graduatorie di merito del concorso bandito con DDG 1 febbraio 2018, n. 85 approvate entro il termine del 31 dicembre 2018 e in posizione utile rispetto ai posti residuati dalle operazioni di immissione in ruolo, effettuano la scelta degli ambiti territoriali secondo quanto prescritto dall’articolo 7, comma 5 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n.59, con decorrenza giuridica ed economica dall’anno scolastico 2019120.

Potrebbe interessarti:  Validità del servizio svolto col titolo a indirizzo socio-psicopedagogico

2. I posti di cui al comma l sono pertanto accantonati e resi indisponibili, nei rispettivi ambiti, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 8, comma 6 del d.lgs n. 59 del 2017. per le operazioni di mobilità e di immissione in ruolo per l’anno scolastico 2019/20 durante il quale i soggetti di cui al comma 1 svolgono l’anno di cui al decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 14 dicembre 2017, n. 984.

3. Con decreto direttoriale dell’USR sono stabiliti i termini e le modalità per la scelta degli ambiti di cui al comma 1.