Scuola, 3 euro per i colloqui con i docenti: e salti la fila
Scuola, 3 euro per i colloqui con i docenti: e salti la fila

Un ticket da pagare per saltare la fila dei colloqui con i docenti. La singolare notizia arriva dalla Sardegna, per l’esattezza da un istituto comprensivo di Selargius, in provincia di Cagliari, dove si è deciso di far pagare (una tantum) la cifra di 3 euro per i colloqui con i professori.

L’idea era nata alla fine dello scorso anno scolastico con l’introduzione di un sistema di prenotazioni online denominato ‘Colloqui facili’. Dopo la fase di sperimentazione, come viene riportato dal quotidiano ‘La Stampa’, il servizio è diventato a pagamento con vibranti proteste da parte dei genitori.

Tre euro per i colloqui con i docenti, genitori in rivolta

Una mamma ritiene che sia ‘assurdo che ci chiedano di pagare anche per i colloqui. Farebbero bene a gestire gli incontri con gli insegnanti in modo che non si creino le code. D’altronde le file e le attese sono un disservizio e non è accettabile che pretendano di pagare per eliminarlo’.

Potrebbe interessarti:  La Senatrice Malpezzi e la revisione del reclutamento docenti secondo il nuovo esecutivo

Altri genitori si chiedono se questo non sia un modo per finanziare le attività scolastiche visti i tagli che continua a subire il comparto istruzione. ‘Se i colloqui si possono sostituire con appuntamenti a pagamento – affermano i genitori – evidentemente è anche possibile eliminare il disagio anche senza chiedere un contributo’.

Il vicepreside commenta l’iniziativa

Il vicepreside della scuola si difende così: ‘E’ soltanto una cifra simbolica, che servirà a ricompensare il lavoro della società che abbiamo incaricato di svolgere questo servizio. I genitori ogni anno si lamentano perché prima di incontrare i docenti sono costretti ad attendere ore e ore davanti alla porta e per questo abbiamo pensato di potenziare il servizio che già lo scorso anno aveva avuto grande successo. Ci sembra una bella idea: meglio pagare 3 euro che stare in fila ad attendere il proprio turno il giorno dei colloqui’.