Scuola, torna il 6 in condotta alla medie contro il bullismo: Lega-M5S contro la #BuonaScuola

La Lega vuole demolire, pezzo a pezzo, la Buona Scuola renziana e lo continua a fare proponendo il ripristino dell’istruzione obbligatoria del voto in condotta che fa media. Come si legge sulle pagine del quotidiano ‘Il Messaggero’, la proposta è stata presentata dal capogruppo in Senato, Massimiliano Romeo. Lo scopo principale sarebbe quello di contrastare i fenomeni di bullismo e di cyberbullismo che, purtroppo, sono in aumento tra gli studenti.

Torna il sei in condotta alle medie, la proposta della Lega

Il senatore leghista spiega: ‘Si deve tornare al voto in decimali che fa media al posto dell’attuale giudizio sintetico. Si può anche essere bravi in tutte le materie ma se non rispetti le regole e le persone a nostro giudizio non sei idoneo a essere promosso. E’ un ritorno a quei vecchi metodi sani che funzionavano perché servivano da deterrente’.

Potrebbe interessarti:  Emendamenti alla LdB, scuola: cosa chiedono Lega e M5S

La Lega, inoltre, propone anche il ritorno all’educazione civica come ‘materia curriculare con un monte ore annuale di 33 ore’. Sia Lega che M5S sono d’accordo sul fatto che occorra smantellare la Buona Scuola.

Obiettivo: contrastare il fenomeno del bullismo

Anche il capogruppo al Senato per il Movimento Cinque Stelle, Stefano Patuanelli, ha sottoscritto la proposta di legge: ‘Su queste tematiche c’è condivisione. Poi, ognuno presenta i suoi disegni di legge ma l’importante è che l’iter parta e si introduca una legge che affronti questi problemi’.

Un altro provvedimento volto a contrastare il fenomeno del bullismo è quello relativo all’integrazione di due rappresentanti dei genitori e di due degli studenti nei consigli di classe. Si tratta di una novità che riguarderà anche le scuole elementari, come rappresentanti degli studenti solo gli alunni dell’ultimo anno.