Concorso per scuola Infanzia e Primaria: bando, posti, titoli e assunzioni
Concorso per scuola Infanzia e Primaria: bando, posti, titoli e assunzioni

La risposta alla domanda “Quando sarà pubblicato il bando per il concorso straordinario Infanzia e Primaria?” non esiste ancora. Il Decreto Dignità stabilisce che il contenuto del bando…”è da adottare entro sessanta giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto”. Ciò fa pensare che venga pubblicato tra ottobre e novembre, ma una data esatta non è possibile fornirla. Col bando si conosceranno le modalità di presentazione delle domande di partecipazione. Il concorso si svolgerà nell’a.s. 2018/19, e le prime assunzioni avverranno già dall’a.s. 2019/2020.

Chi partecipa al concorso straordinario Infanzia e Primaria?

Il concorso straordinario Infanzia e Primaria sarà riservato:

  • ai diplomati magistrale entro l’a.s. 2001/02;
  • ai laureati in Scienze della formazione primaria.

Il requisito di ammissione è possedere due anni di servizio specifico, negli ultimi otto, nella scuola statale. Il servizio svolto nelle scuole paritarie non può essere conteggiato.I docenti assunti in ruolo con riserva e che saranno licenziati in seguito alle sentenze di merito, non avranno punteggio aggiuntivo. Il servizio potrà essere maturato fino all’ultimo giorno utile per la presentazione della domanda. Il concorso non sarà selettivo e il punteggio verrà calcolato in questo modo:

  • 70 punti per i titoli
  • 30 punti per la prova orale didattico-metodologica
Potrebbe interessarti:  Concorso Straordinario, gli insegnanti di ruolo a pieno titolo possono partecipare?

Tra i titoli valutabili ci sono il superamento di precedenti concorsi, altre abilitazioni di livello universitario, e 50 dei 70 punti per il servizio. I posti a bando dovrebbero essere circa 12.000.

Come avverranno le assunzioni dopo il concorso?

Il 50% dei posti disponibili viene assegnato alle GaE, e l’altro 50% ai concorsi. Ove vi siano GAE esaurite, i posti si aggiungono a quelli destinati ai concorsi. Ad avere la precedenza sono i vincitori del concorso 2016 (inclusi coloro che abbiano raggiunto il punteggio minimo) e a seguire quelli da concorso straordinario e concorso ordinario.