Legge 104, presentare domanda all’Inps
Legge 104, presentare domanda all’Inps

Per presentare la domanda all’Inps per ottenere i vantaggi della legge 104/92, è necessario seguire una procedura precisa. Tutto inizia con la richiesta di un certificato medico, detto certificato SS3, dal quale emerge l’esistenza di un handicap (nel certificato è indicata anche la sussistenza d’invalidità e l’eventuale non autosufficienza, oltre allindicazione di altre eventuali patologie, come cecità e sordità). Il certificato ha un suo modello predisposto dall’Inps, ed è lo stesso medico che lo redige ad inoltrarlo per via telematica all’Istituto; una copia della ricevuta, contenente il protocollo d’invio, viene rilasciata all’interessato, che deve conservarla perché indispensabile al momento della presentazione della domanda.

Domanda INPS Legge 104

La domanda all’INPS per ottenere i vantaggi della Legge 104 si presenta entro 30 giorni dal rilascio del certificato, inserendo il codice univoco del certificato stesso. Dopo 30 giorni il certificato medico scade e deve essere rifatto. Per inviarla si può utilizzare una delle seguenti procedure:

  • sul sito Inps, sezione “Servizi per il cittadino”, tramite codice Pin;
  • Contact Center Inps Inail, al numero 803.164, tramite codice Pin;
  • tramite patronato.
Potrebbe interessarti:  Annullato il decreto di assegnazione provvisoria

Dopo la presentazione della domanda

Dopo la compilazione della domanda, l’interessato dovrà scegliere la data della visita medica, che può essere prenotata anche in un secondo momento. L’appuntamento, con data e ora, è visibile sia sul sito all’interno dell’account Cittadino, che nella raccomandata che l’Inps invia come notifica. In caso di impossibilità a presentarsi alla visita, si può richiedere un nuovo appuntamento; l’assenza a due convocazioni, rende la domanda inefficace. Si può richiedere anche l’accertamento sanitario domiciliare, inviando la richiesta prima di 5 giorni dalla data già fissata, con un apposito certificato medico. L’handicap può essere riconosciuto non grave, in situazione di gravità, o superiore ai 2/3.