Scuola, diplomati magistrale ultime notizie: ATP Torino annulla decreto licenziamento per 4 docenti
Scuola, diplomati magistrale ultime notizie: ATP Torino annulla decreto licenziamento per 4 docenti

Il sindacato Anief rende noto, attraverso la pubblicazione di una nota ufficiale, in merito all’annullamento del decreto di licenziamento per quattro docenti diplomati magistrale immessi in ruolo con riserva e di depennamento dalle Gae di altri diciotto insegnanti, da parte del competente Ambito Territoriale di Torino.

Diplomati magistrale, ATP Torino annulla decreto di licenziamento per quattro docenti

Anief sottolinea con soddisfazione l’intervento promosso dal Presidente Regionale Anief Piemonte, professor Marco Giordano. Qualche giorno fa, infatti, 18 insegnanti avevano ricevuto comunicazione in merito al loro depennamento dalle Graduatorie ad Esaurimento: per quattro di loro, diplomati magistrale, l’Ambito Territoriale di Torino aveva provveduto alla trasformazione del contratto da tempo indeterminato a tempo determinato.
L’Amministrazione e il Dirigente dell’ATP di Torino hanno dimostrato di ben recepire le richieste del sindacato: in questo modo, i ricorrenti Anief ‘hanno potuto vedere immediatamente risolta la loro problematica e potranno, ora, continuare a permanere nelle Graduatorie a Esaurimento e a beneficiare della conferma dei contratti a tempo indeterminato per i diretti interessati’.

Pacifico, Anief: ‘Esprimiamo piena soddisfazione per questo intervento’

Il presidente dell’Anief, Marcello Pacifico, ha così commentato: ‘Come sempre abbiamo dimostrato di saper agire prontamente e di riuscire a intervenire a tutela dei diritti dei lavoratori che si sono rivolti con fiducia al nostro sindacato. Abbiamo già attivato le procedure di preadesione ai ricorsi volti alla tutela dei ricorrenti immessi in ruolo con riserva che dovessero essere licenziati dal Miur, ma esprimiamo piena soddisfazione per aver risolto la situazione creatasi ieri a Torino attraverso un rapido ed efficace intervento sindacale’.

Potrebbe interessarti:  Quando ci sarà la prossima plenaria