Concorso Diplomati Magiatrali

Il decreto sul concorso straordinario rivolto ai diplomati magistrali ante 2001-2002 e ai laureati in Scienze della Formazione Primaria, dopo la firma del ministro Bussetti avvenuta la scorsa settimana, è stato pubblicato in data 26 ottobre sulla Gazzetta Ufficiale. Di seguito rimettiamo in allegato il testo del decreto l’allegato a che contiene i programmi concorsuali l’allegato B con le griglie di valutazione e l’allegato C con la tabella dei titoli.

I requisiti

Per partecipare al concorso straordinario occorre possedere due annualità di servizio specifico negli ultimi otto anni su posto comune o sul sostegno. Devono essere stati maturati sulla stessa classe di concorso: primaria oppure infanzia. Per sapere se quest’anno scolastico potrà essere considerato valido ai fini del possesso dei 24 mesi di servizio occorre aspettare la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Bando di Concorso. I candidati dovranno possedere i requisiti alla data di pubblicazione. In allegato il Decreto del 17 Ottobre 2018 .

I programmi

I candidati dovranno dimostrare di avere padronanza nelle discipline riguardo alle competenze metodologiche e di progettazione didattica e curricolare. Questo anche attraverso l’uso delle moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Al riguardo consultare l’Allegato A sui Programmi Concorsuali.

Potrebbe interessarti:  Prova orale concorso straordinario 2018/19 infanzia e primaria: come si svolge, la scheda

La prova Orale

Rispetto alle anticipato della vigilia la durata del colloquio orale è stata ridotta a 30 minuti. I candidati dovranno dimostrare di possedere le competenze didattico curricolari per l’insegnamento nella scuola primaria e dell’infanzia mediante la produzione di un’attivita’ didattica realizzata in PowerPoint, PDF, Word, Prezi e simili. È consigliabile stampare l’elaborato su supporto cartaceo il lavoro realizzato da presentare alla commissione. Per vedere i punteggi conseguibili si può consultare l’Allegato B contenente le griglie nazionali di valutazione.

La valutazione dei titoli

Ai sensi dell’articolo 4, comma 1-octies del Decreto Legge,
a) la valutazione complessiva dei titoli ai sensi della presente tabella non può eccedere i settanta punti e, qualora superiore, è ricondotta a tale limite massimo;
b) la somma delle valutazioni delle sezioni A, B e C non può superare i venti punti e, qualora superiore, è ricondotta a tale limite massimo;
c) la valutazione della sezione D non può superare i 50 punti e, qualora superiore, è ricondotta a tale limite massimo. Consultare l’Allegato C Tabella dei Titoli.