Personale ATA, diritto alla pausa caffé: la normativa la prevede?
Personale ATA, diritto alla pausa caffé: la normativa la prevede?

La pausa caffé è una consuetudine dei lavoratori in generale, per cui potrebbe esserlo anche per il Personale ATA della scuola. Ma è un diritto? Cosa dice la normativa? L’arti 51 del CCNL 2007 stabilisce che l’orario di lavoro del personale ATA è di 36 ore, suddivise in sei ore continuative. Quante pause sono previste durante questo orario di lavoro? Vediamo nel dettaglio.

Personale ATA e orario di lavoro

Il comma 3 dell’art. 51 prevede per il Personale ATA della scuola che l’orario di lavoro massimo giornaliero è di nove ore e che se la prestazione di lavoro giornaliera eccede le sei ore continuative, il personale usufruisce a richiesta di una pausa di almeno 30 minuti al fine del recupero delle energie psicofisiche e dell’eventuale consumazione del pasto. La pausa è in ogni caso prevista quando l’orario continuativo di lavoro giornaliero supera le 7 ore e 12 minuti. Una pausa, dunque, ma non una pausa caffé.

Potrebbe interessarti:  ATA, stop appalti di pulizia: che fine ha fatto la stabilizzazione degli Lsu?

Niente pausa caffè?

Il contratto nazionale della scuola non prevede altre pause per il Personale ATA durante l’orario lavorativo, salvo quella menzionata sopra. Ciò significa che la pausa caffé non è prevista. Ma nulla toglie, come viene sottolineato anche da Orizzonte scuola, che potrebbe essere materia di contrattazione integrativa di istituto. Una pausa breve non crea nessun tipo di problema, e prevederla in modo esplicito e nei particolari nel contratto di istituto, potrebbe evitare diversi problemi. Permessi brevi retribuiti docenti e ATA: cosa prevede la normativa