Scuola, Di Maio promette più soldi ai docenti: ultime notizie oggi 3 novembre
Scuola, Di Maio promette più soldi ai docenti: ultime notizie oggi 3 novembre

Dopo le polemiche scoppiate nelle ultime settimane in merito ai tagli operati dal Governo nel comparto scuola all’interno della Legge di Bilancio 2019, il vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, è intervenuto sulla questione.

Di Maio: ‘Mettiamo più soldi nella scuola, tagliamo dove c’è da tagliare’

Il leader del Movimento 5 Stelle ha pubblicato un lungo video all’interno del quale ha illustrato tutte le misure che il Governo gialloverde intende prendere nel prossimo anno. Di Maio ha annunciato che, nei prossimi due mesi, verranno inseriti nella Legge di Bilancio dei fondi necessari alla scuola, all’università e alla ricerca, operando, di conseguenza, dei tagli in altri settori come, ad esempio, gli sgravi fiscali ai petrolieri. ‘Mettere più soldi su scuola, università e ricerca‘ è lo slogan del segretario del partito pentastellato.

Di Maio promette aumenti stipendi agli insegnanti

L’obiettivo di Luigi Di Maio e del Governo gialloverde sarebbe quello di recuperare le risorse necessarie a beneficio della formazione degli studenti oltre ai soldi da destinare agli aumenti degli stipendi degli insegnanti. Due questioni che sono state oggetto di ferventi polemiche nelle ultime settimane: non dimentichiamo il ‘pupazzo’ del vicepremier, bruciato a Torino durante una manifestazione di protesta degli studenti e non dimentichiamo nemmeno le vibranti proteste dei docenti in merito alle promesse del partito pentastellato riguardanti un sostanziale ritocco delle buste paga, a dispetto del misero aumento disposto dall’ultimo rinnovo di contratto.
Insomma, l’impressione è che il Governo voglia gettare acqua sul fuoco ma appare oltre modo evidente che i soldi non ci sono e senza soldi non si va da nessuna parte. Non resta che ingoiare un’altra promessa con la speranza che non rappresenti un’utopia.
Potrebbe interessarti:  Concorso straordinario, il caso dei docenti di ruolo con riserva