Ricostruzione carriera, as 2018/19: chi deve presentarla e quando
Ricostruzione carriera, as 2018/19: chi deve presentarla e quando

La ricostruzione di carriera nasce dal fatto che il personale della scuola gode di una progressione stipendiale, determinata grazie agli scatti di anzianità. E’ la valutazione del servizio pre-ruolo (a tempo determinato) e in altro ruolo, svolto dal docente prima dell’immissione nel ruolo di attuale appartenenza. A richiederla sono i docenti che hanno già superato l’anno prova e hanno quindi ottenuto la conferma in ruolo.

Quando presentare la domanda di ricostruzione carriera

La presentazione della domanda di ricostruzione carriera ha dei limiti temporali: dal 1° settembre al 31 dicembre di ogni anno, come da regola imposta dalla legge 107/2015. Esiste però un termine di prescrizione da rispettare. Ai fini giuridici, il diritto alla ricostruzione della carriera è prescritto dopo dieci anni, a decorrere dal giorno della conferma in ruolo. Ai fini economici (corresponsione di arretrati) la prescrizione arriva dopo cinque anni, a decorrere dal giorno della conferma in ruolo. Sul nostro sito trovate il modello di domanda per la richiesta. Con la nota n. 17030 del 01/09/2017, il Miur ha introdotto una nuova modalità di presentazione della domanda di ricostruzione di carriera, tramite Istanze Online. Potete anche consultare le tabelle degli scatti di anzianità, per comprendere in quale fascia stipendiale potete collocarvi grazie alla ricostruzione della carriera. Entro il 28 febbraio, il Miur comunicherà al Mef i risultati dei dati relativi alle istanze per il riconoscimento dei servizi agli effetti della carriera del personale scolastico.

Potrebbe interessarti:  Scuola, Miur inizia a porre dei limiti al caos dell'autonomia scolastica sregolata