Concorso scuola infanzia e primaria: ecco come si conteggiano i 2 anni di servizio

La pubblicazione del bando di concorso straordinario per la scuola dell’infanzia e primaria ha dato ufficialmente il via alla selezione che vuole essere la risposta del Governo alla sentenza della Consiglio di Stato che ha estromesso i diplomati magistrale dalle graduatorie ad esaurimento.

Potranno partecipare, infatti, come ormai saprete, i docenti con diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/02 e i laureati in Scienze della formazione primaria con due annualità di servizio specifico negli ultimi otto prestati nella scuola statale.

Concorso infanzia e primaria: come si calcolano i due anni di servizio?

Uno dei quesiti più frequenti in queste ultime settimane è quello riguardante il conteggio delle due annualità richieste. Come vanno calcolate? Innanzitutto, gli 8 anni di servizio sono quelli compresi dall’anno scolastico 2010/2011 all’anno scolastico 2017/2018. Non è valido nel conteggio l’anno in corso, anche per chi ha una supplenza fino al 30 giugno.

telegram-scuolainforma-336x280

Il calcolo dei due anni di servizio va effettuato secondo quanto indicato dall’articolo 11, comma 14, della legge N. 124 del 3 maggio 1999.

Potrebbe interessarti:  Concorso straordinario infanzia e primaria, ultime notizie USR: ultimo aggiornamento calendari

Secondo la normativa legislativa, va considerato un anno scolastico intero (o anno di servizio), l’attività prestata per almeno 180 giorni o il servizio prestato senza interruzioni dal 1° febbraio sino al termine delle operazioni di scrutinio.

Calcolo due anni di servizio ai fini della candidatura al concorso straordinario scuola infanzia e primaria

docenti che intendono presentare domanda per il concorso straordinario scuola infanzia e primaria, in buona sostanza, devono accertarsi di aver svolto 2 anni di servizio anche non continuativi, negli ultimi otto. Nei due anni devono aver prestato, per ciascun anno, 180 giorni di servizio (anche non continuativo) oppure un servizio ininterrotto dal 1° febbraio sino alle operazioni di scrutinio.

Non è consentito sommare servizi appartenenti ad anni scolastici differenti e rammentiamo come il servizio sia valido solo se prestato nella scuola statale.