Chi ha prestato servizio sulle ore alternative IRC (insegnamento della Religione Cattolica) chiede se può partecipare al concorso straordinario infanzia e primaria. Gli interessati non hanno trovato tra i requsiti richiesti ai docenti in possesso di diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002 disposti al comma 1, lett. b questa particolare tipologia di servizio. Esaminiamo la questione alla luce dell’orientamento giurisprudenziale esistente in materia.

Come considerare il servizio sulle ore alternative IRC?

Per il TAR Lazio Sez. III quater Sent., 09/06/2008, n. 5628 “Lo svolgimento per gli alunni che non si avvalgono dell’insegnamento delle attività alternative alla religione cattolica, non corrisponde infatti né a posti di ruolo né ad una individuata classe di concorso, è specificamente caratterizzata dal fatto che esse non hanno per oggetto materie curricolari e non concernono un insegnamento “unitario”. Per il TAR Molise Campobasso Sez. I, 08/07/2009, n. 600 “Nel vigente ordinamento non sono previsti posti di ruolo o classi di concorso per l’insegnamento della religione cattolica o delle attività alternative alla religione cattolica, di guisa che tale insegnamento non può ritenersi utile come requisito di servizio, ai fini dell’ammissione alla sessione riservata per il conseguimento dell’abilitazione o della idoneità richiesta nella scuola materna, nella scuola elementare e negli istituti e scuole di istruzione secondaria e artistica. “ Oppure: “ L’insegnamento, svolto nell’ora alternativa alla religione, non è computabile nel servizio di 360 giorni d’insegnamento, richiesto dall’art. 2 comma 10 lett. b) del d.l. 6 novembre 1989 n. 357, conv. nella l. 27 dicembre 1989 n. 417, per la partecipazione ai concorsi per soli titoli a cattedre d’insegnamento nelle scuole secondarie. T.A.R. Lombardia Brescia, 08/10/1994, n. 5”.

Potrebbe interessarti:  Concorso straordinario infanzia e primaria: comunicato Miur e tabella domande

La nota n. 26482 del 7 marzo 2001

A corredo di quanto descritto fin qui possiamo citare una nota che chiarisce vari aspetti in materia di ore alternative all’ IRC e, più in particolare, disciplina in che modo i Dirigenti scolastici debbano attribuire le ore alternative e a chi. Rimettiamo in allegato il documento emesso dal Ministero dell’Economia e delle Finanze circa la richiesta di un parere. Tuttavia, non esistendo un’apposita classe di concorso per la categoria in oggetto, rimane loro precluso la possibilità di parteciparvi.

NOTA 7 MARZO 2011