Scuola, UDU: ecco i dati dell'indagine Eurostudent 2016/2018
Scuola, UDU: ecco i dati dell'indagine Eurostudent 2016/2018
Nei giorni scorsi si sono svolte alcune giornate di formazione dei giovani della Lega

L’UDU (Unione degli Universitari) contro le intenzioni del vice premier Matteo Salvini di abolire il valore legale della laurea: “Giù le mani dal valore legale dei titoli di studio”

Nella giornata di ieri il Vicepremier Matteo Salvini è intervenuto alle giornate di formazione dei giovani della Lega, affermando che bisogna rimettere mano alla legge su scuola e Università e che l’abolizione del valore legale del titolo di studio è una questione da affrontare. Il tutto con l’assenso anche del Movimento 5 Stelle.

Dichiara Enrico Gulluni, coordinatore Nazionale dell’Udu (Unione degli Universitari): “Parlare di abolizione legale del titolo di studio riteniamo sia una mossa scellerata.

In un sistema universitario pesantemente sottofinanziato come quello italiano abolire il valore legale del titolo di studio non farebbe altro che accrescere il divario tra i vari atenei, creando degli atenei di serie A e di serie B condannando alla morte la maggior parte dei piccoli atenei che farebbero fatica ad andare avanti o che vedrebbero pesantemente ridimensionata la loro posizione.

Potrebbe interessarti:  Bando II edizione delle Olimpiadi Digitali dei Diritti Umani 8 febbraio 2019

Peraltro gli atenei più penalizzati sarebbero ovviamente quelli del mezzogiorno, per i quali la forbice delle disuguaglianze si amplierebbe ancora di più.

Il valore legale del titolo di studio non rappresenta un ostacolo alla valutazione delle qualità di una singola persona o un qualche tipo di privilegio, ma anzi permette a tutti di avere lo stesso punto di partenza senza avvantaggiare nessuno. “

Conclude Gulluni: “Il governo del cambiamento dimostra ancora una volta che ha in mente un’università elitaria e accessibile ai pochi, percorrendo un pericoloso ritorno al passato, ad una stagione di tagli che ha portato allo smantellamento dell’Istruzione pubblica italiana.

Noi non staremo in silenzio, ed il 16 novembre saremo in piazza per smascherare il governo del cambiamento!“

Raffaele Dubbioso, Responsabile Stampa UDU-Unione degli Universitari

Cell: 3349286187   Mail: raffaele.dubbioso@unionedegliuniversitari.it