Le FAQ del ministero sulla prossimo concorso straordinario erano particolarmente attese per la mole di argomenti che si era sviluppata attorno alla procedura di reclutamento del personale docente della scuola primaria e dell’infanzia. In questo contributo ci soffermiamo alla specifica dei servizi da inserire nella domanda e ai requisiti di accesso.

Per la consultazione integrale delle FAQ in oggetto rimandiamo il lettore direttamente al portale del Miur.

Legge 68/99

Le FAQ ministeriali cominciano a sciogliere i dubbi in seno ai docenti fruitori della riserva di posti di cui alla legge 68 del 1999. Viene specificato che è possibile inserire il certificato di iscrizione ai centri per l’impiego o, qualora non disponibile, provvedere ad indicare la data e la procedura nella quale ha presentato in precedenza, il certificato di disoccupazione. Pur se in possesso di provvedimento cautelare, dal quale proviene l’inserimento in ruolo con riserva, vale l’identica disposizione prevista per coloro che lo sono a pieno titolo. Non è possibile dichiarare il servizio prestato con un’unica data di inizio e di fine. Occorre specificare il servizio per singolo anno scolastico anche se il servizio di ruolo non si è interrotto.

Potrebbe interessarti:  Concorso DSGA: le materie da studiare per arrivare preparati

Diritti di segreteria

Gli altri argomenti trattati riguardano i diritti di segreteria da pagare. Occorre fare un bonifico di €10,00 per ogni procedura alla quale si intenda partecipare:

  1. posto comune scuola primaria;
  2. posto comune scuola dell’infanzia;
  3. posto sostegno infanzia;
  4. posto sostegno primaria.

Questo significa che è possibile fare anche 4 bonifici contemporaneamente qualora si intende concorrere per tutte e due le classi di concorso, sia per il posto comune che per il posto di sostegno.

Integrazione del servizio

Diversi docenti presentano un servizio per così dire spezzettato, ossia parte presso una scuola pubblica e parte presso una scuola paritaria. In questo caso non è possibile accumularli in una unica annualità in quanto, come chiarito dalla stessa FAQ del Miur, il requisito d’accesso resta sempre il servizio prestato esclusivamente presso le scuole primarie o dell’infanzia statali, come docente di posto comune o di sostegno, nel periodo compreso tra l’anno scolastico 2010/11 e l’anno scolastico 2017/18.