Scuola, mobilità Personale ATA 2019/22 ultime notizie: esito incontro per rinnovo contratto
Scuola, mobilità Personale ATA 2019/22 ultime notizie: esito incontro per rinnovo contratto

Sullo stop agli appalti di pulizia e la stabilizzazione dei circa 12 mila lavoratori delle ditte e cooperative esterne di pulizia arrivano importanti novità. A riferirle è il deputato Alessandro Fusacchia. L’emendamento è stato riformulato e ciò significa che molto probabilmente esso verrà definitivamente approvato. Vediamo cosa ha riferito poche ore fa Fusacchia attraverso un video Facebook sulle assunzioni ATA.

Stop appalti di pulizia: emendamento riformulato

Alessandro Fusacchia (+Europa con Emma Bonino) ha spiegato, durante una pausa della Commissione bilancio, che nell’emendamento dello stop agli appalti di pulizia c’è stata una riformulazione. L’emendamento proposto, approvato dalla Commisione Istruzione è andato alla Comissione bilancio da cui è arrivata poi la riformulazione. Questo significa che non è stato ancora votato ma essendoci stata la riformulazione è molto probabile che venga approvato. Fusacchia spiega cosa prevede l’emendamento riformulato: “L’internalizzazione dei servizi di pulizia, significa che dal 1 gennaio del 2020 per le scuole svolgeranno servizi di pulizia soltanto dipendenti pubblici in qualità di collaboratori scolastici, per fare questo sono state stanziate le risorse ma fino al 31 dicembre 2019 si proseguirà con gli appalti”.

Potrebbe interessarti:  Ricostruzione carriera: bisogna applicare novità CCNL

ATA: come avverranno le assunzioni degli Lsu

Alessandro Fusacchia spiega poi come avverranno le assunzioni ATA: “Le assunzioni si faranno dopo una procedura selettiva che avverrà per titoli e colloquio, le regole verranno fatte dal ministero dell’Istruzione insieme al ministero del Lavoro, della Pubblica Amministrazione, dell’Economia e delle Finanze. Non c’è alcuna intenzione di alzare il livello dei titoli rispetto a quelli che sono i titoli richiesti attualmente per lavorare come collaboratore scolastico nelle scuole pubbliche”. Intanto sono stati aggiunti 10 milioni per l’acquisto del materiale destinato alle pulizie. In particolare si risparmieranno delle risorse: “Ci saranno 270 milioni in più che saranno messi nel fondo di funzionamento delle scuole, 184 milioni nel 2020 e 90 milioni nel 2021” – prosegue Fusacchia – “ci sono 130 mila collaboratori scolastici dipendenti pubblici e ce ne sono circa 18 mila che sono rimasti fuori con ditte private” e conclude “mi sento di dire che ci sono buone probabilità, l’emendamento andrà a buon fine”.