maturità 2019

Dopo gli articoli relativi alla seconda prova scritta della maturità 2019 per il Liceo scientifico, Liceo classico, Liceo artistico, Liceo linguistico e Liceo delle scienze umane, analizziamo ora come sarà la seconda prova per il Liceo Musicale e Coreutico.

Sezione musicale

La prova d’esame per la maturità 2019 è articolata in due parti: la prima a carattere analitico-compositivo-progettuale, la seconda di tipo performativo. La prima parte della prova è finalizzata alla verifica:
– per Teoria Analisi e Composizione, di competenze analitiche e compositive con riferimento ai diversi tipi di linguaggi e poetiche musicali studiati durante il percorso liceale;
– per Tecnologie Musicali, di competenze progettuali e compositive con preciso riferimento all’uso delle tecnologie sonore in dominio elettroacustico, elettronico e digitale, con possibilità di prevedere diverse modalità d’interazione tra suono e altre forme espressive (gestuali, visive e testuali)
La prova può contemplare quattro tipologie di consegna così declinate:
A) analisi di una composizione, o di una sua parte significativa, tratta preferibilmente dalla letteratura musicale del XX secolo con relativa contestualizzazione storico-culturale;
B) composizione originale di un brano tratto dalla letteratura secondo una delle seguenti modalità:
– armonizzazione di un basso dato con modulazioni ai toni vicini;
– realizzazione dell’accompagnamento o dell’armonizzazione di una melodia data;
C) realizzazione e descrizione di un progetto musicale sviluppato in ambiente digitale che possa prevedere anche l’interazione con altre forme espressive gestuali, visive e testuali;
D) progettazione e sintetica descrizione tecnica di realizzazione di un’applicazione musicale o multimediale per la produzione e il trattamento del suono in un ambiente di programmazione, contenente la parte di sintesi, di equalizzazione e di spazializzazione.
La prima parte della prova ha la durata di un giorno, per massimo sei ore.
La seconda parte della prova ha carattere prevalentemente performativo: si svolge a partire dal giorno successivo e consiste nel dimostrare, mediante il proprio strumento o il canto, le competenze esecutivo-interpretative acquisite nel percorso quinquennale di studi, dando prova di possedere le necessarie conoscenze storiche e stilistiche, nonché di aver compreso le poetiche dei diversi autori presentati.
La durata massima della prova è di venti minuti per candidato su un programma coerente con proprio il percorso di studi.

Clicca qui per le discipline caratterizzanti l’indirizzo Teoria, analisi e composizione – Tecnologie musicali, oggetto della seconda prova scritta e relative griglie di valutazione.

Sezione Coreutico

telegram-scuolainforma-336x280

TECNICHE DELLA DANZA: Tecnica della Danza Classica – Tecnica della Danza Contemporanea.
La seconda prova scritta d’esame di maturità 2019 tiene conto della dimensione tecnico-pratica e laboratoriale connessa al tipo di percorso di studi delle Sezioni coreutiche. Finalizzata all’accertamento delle abilità interpretative artistiche, personali e critiche, frutto delle conoscenze acquisite nel percorso formativo, attraverso gli studi a carattere tecnico, teorico e storico della danza, essa prevede un’articolazione in due parti.
La prima parte della prova ha per oggetto:
a) l’esibizione collettiva, della durata massima di due ore, in cui tutti i candidati sono coinvolti in una esecuzione riguardante ambiti e contenuti della Sezione Danza classica e della Sezione Danza contemporanea;
b) la relazione accompagnatoria scritta, della durata massima di quattro ore, redatta da ciascun candidato sulla base dell’analisi stilistica degli elementi tecnici dell’esibizione, distinti per Sezione Danza classica e Sezione Danza contemporanea, e svolta con gli opportuni riferimenti alla Storia della danza.
La seconda parte si svolge il giorno successivo o in due o più giorni e consiste in una esibizione individuale, della durata massima di dieci minuti per ciascun candidato, e prevede per la Sezione Danza classica una variazione dal repertorio, adattata dal docente sulla base delle capacità tecnico-espressive della candidata o del candidato, ovvero una creazione coreografica, eventualmente estemporanea, per la sezione Danza contemporanea.

Clicca qui per le discipline caratterizzanti l’indirizzo Tecnica della danza, oggetto della seconda prova scritta e relativa griglia di valutazione.