I Ricorrenti DS 2011 si aspettano una soluzione politica dal Ministro Busssetti
I Ricorrenti DS 2011 si aspettano una soluzione politica dal Ministro Busssetti

Riceviamo in Redazione e pubblichiamo una lettera riguardante i ricorrenti del Concorso DS 2011. Ecco il testo integrale della missiva.

La lettera: “I Ricorrenti Dirigenti Scolastici 2011 aspettano una soluzione politica”

“Gentile Direttore,

a seguito del sempre più ingarbugliato iter emendativo per il riconoscimento di un corso di 80 ore a favore dei ricorrenti al concorso DS 2011 e alla decisione della Corte Costituzionale di rinviare la pronuncia della sentenza in merito , vorrei fare una precisazione rispetto alla posizione dei molti docenti che avanzano giustizia innanzi al comma 89 della legge 107 / 2015. Per farlo occorre ritornare al settembre 2015 allorché a seguito della cosiddetta legge Buona scuola ci si rese conto che il suddetto comma aveva per così dire sanato solo una parte del contenzioso e che sarebbe stato necessario estendere il DM 499, ovvero prevederne un successivo per altre categorie di ricorrenti che erano in attesa della pronuncia di primo grado dai TAR regionali ovvero dal Consiglio di Stato. A tale scopo fu istituito e successivamente costituito il COMITATO NAZIONALE RICORRENTI CONCORSO DS 2011 (CNRCDS2011). Al comitato aderivano docenti nelle regioni Lombardia, Lazio, Veneto, Sardegna, Puglia, Campania e Sicilia ed annoverava solo poche decine di iscritti che nell’autunno del 2015 potevano avanzare un ricorso pendente rispetto alla procedura concorsuale e un ricorso in atto rispetto alla disparità di trattamento determinato dal DM 499/’15. Tutti i docenti che aderirono al comitato, inoltre, possedevano al 13 luglio 2011 i requisiti di ammissione relativi a titoli ed anzianità di servizio così come previsti dal bando ed avevano dimostrato la propria buona fede e merito, allorché venivano ammessi di diritto alle prove scritte e di fatto al concorso medesimo per aver superato la pre – selettiva. Attualmente si riconoscono in questa categoria di ricorrenti meno di 200 unità di docenti che ancora hanno i sopracitati ricorsi pendenti, con riferimento alle regioni che avevano aderito al comitato fatta esclusione per quelli della Lombardia che nel 2017 perdevano definitivamente contro il MIUR cessando così la ragione del contendere. Elisabetta Paoletti CNRCDS2011”

Potrebbe interessarti:  WhatsApp a scuola, dipendenza irrinunciabile per i docenti ma utile per i DS

Le nostre considerazioni:

In verità dobbiamo precisare che si tratta di circa 1100 ricorrenti in tutta Italia organizzati in Comitati che aspettano una soluzione alla loro questione. Ricordiamo che il Governo, per mezzo dell’Avvocatura Generale dello Stato ha chiesto ed ottenuto dalla Consulta il rinvio dell’udienza prevista per il 20 novembre scorso prevedendo una soluzione politica che è stata, finora, presa dall’on. Mauro D’Attis (F.I.) che ha presentato ben tre emendamenti, l’ultimo dei quali è stato ritirato a seguito della richiesta da parte della vicepresidente al Ministero dell’Economia, dott.ssa Laura Castelli. Nonostante ciò, l’onorevole ha presentato un o.d.g. riguardante la richiesta di adempiere agli impegni presi nei confronti dei Ricorrenti DS 2011.

Ora, la questione passerà a Senato dove si auspica una soluzione definitiva al fine di risolvere la questione ed evitare il problema delle reggenze anche per il prossimo anno scolastico.

Ricordiamo che domani 13 dicembre 2018 circa 400 ricorrenti al nuovo concorso DS 2017 sono stati convocati con preavviso di pochi giorni da vari avvocati amministrativisti (avv. Esposito, avv. Marone ed altri) per sostenere, con riserva, le prove scritte a Roma in attesa dell’udienza di merito prevista per febbraio 2019. Tali ricorsi stanno complicando notevolmente l’iter del nuovo concorso DS 2017 che allungheranno i tempi di assunzione.