Ricorso
Ricorso

Ricorso

Milano , li 13/12/2018

RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK, CLICCANDO qui O CLICCA “MI PIACE” SULLA PAGINA FACEBOOK

telegram-scuolainforma-336x280

RICORSO SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE

Si porta all’attenzione del personale docente ed educativo della possibilità di prendere parte all’azione legale avverso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca al fine di vedere affermato il diritto al riconoscimento degli anni di servizio pre-ruolo nella loro interezza per la ricostruzione di carriera.

Perché fare ricorso?

La normativa attualmente vigente prevede il riconoscimento, ai fini della ricostruzione di carriera e dell’ottenimento degli scatti stipendiali, di soli 2/3 degli anni di servizio pre-ruolo successivi al quarto.

Ciò significa che per un lavoratore con 13 anni di anzianità pre-ruolo, solo 10 sono riconosciuti ai fini della ricostruzione di carriera. Infatti, dopo il quarto anno di servizio, solo i 2/3 degli anni successivi lavorati vengono conteggiati, per cui:

di 13 anni lavorati

solo 4 sono conteggiati interamente

mentre dei restanti 9, solamente 6 verranno tenuti da conto

perdendo interamente 3 anni di servizio, con relativo enorme danno economico.

Tuttavia, recenti sentenze hanno contraddetto tale imposizione normativa, riconoscendo l’interezza degli anni di lavoro pre-ruolo effettivamente svolti.

Chi può fare ricorso?

Il personale docente ed educatore di ruolo che abbia trascorso un periodo di tempo superiore ai 4 anni di servizio pre-ruolo.

ATTENZIONE: NON si incorre in alcuna prescrizione del diritto alla ricostruzione della carriera, anche qualora siano trascorsi più di 10 anni dall’emissione del decreto di ricostruzione e comunicazione dell’inquadramento stipendiale. Il che vuol dire che chiunque potrà vedere soddisfatta la pretesa al riconoscimento del proprio diritto a prescindere dal momento di passaggio a ruolo.

Cosa serve?

  • Copia di tutti i contratti o dei certificati di servizio;
  • Copia del decreto di inquadramento stipendiale;
  • Delega avvocato (da firmare in originale presso una delle nostre sedi o spedita  a mezzo raccomandata con firma originale).

Quanto costa?

ISCRITTI UNICOBAS: GRATUITO il patrocinio dell’avvocato per tutti gli iscritti è gratuito. Non è necessario pagare il contributo unificato (tassa necessaria al fine della presentazione del ricorso) per gli aventi reddito familiare inferiore a €32.298,99. Per chi superasse il reddito i costi sono relativi solo al pagamento del contributo unificato. Solo in caso di vittoria sarà corrisposta dal ricorrente la somma pari al 5% di quanto ottenuto.

NON ISCRITTI ALL’UNICOBAS: Il patrocinio dell’avvocato per i non iscritti ammonta a €175,00. Non è necessario pagare il contributo unificato (tassa necessaria al fine della presentazione del ricorso) per gli aventi reddito familiare inferiore a €32.298,99. Chi superasse il reddito, dovrà farsi carico dei costi relativi al pagamento del contributo unificato. In caso di vittoria sarà corrisposta dal ricorrente la somma pari al 8% di quanto ottenuto.

Si invitano tutti coloro in possesso dei requisiti sopra descritti a contattare tramite email unicobasmilano@libero.it per ulteriori informazioni e per prendere parte al ricorso. In alternativa telefonare allo 0267481921 (sede centrale sita in via Fara – Milano) o allo 0289015352 (sede di comprensorio sita in via Spartaco – Milano).

UNICOBAS SCUOLA & UNIVERSITA’ MILANO

Il Segretario provinciale

Dott. Marco Monzù Rossello

Responsabili area legale

Avv. Giovanna Creti

Avv. Antonella Carbone

RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK, CLICCANDO qui O CLICCA “MI PIACE” SULLA PAGINA FACEBOOK