Ricorso
Ricorso

Ricorso

Milano , li 13/12/2018

RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK, CLICCANDO qui O CLICCA “MI PIACE” SULLA PAGINA FACEBOOK

RICORSO SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE

Si porta all’attenzione del personale docente ed educativo della possibilità di prendere parte all’azione legale avverso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca al fine di vedere affermato il diritto al riconoscimento degli anni di servizio pre-ruolo nella loro interezza per la ricostruzione di carriera.

Perché fare ricorso?

La normativa attualmente vigente prevede il riconoscimento, ai fini della ricostruzione di carriera e dell’ottenimento degli scatti stipendiali, di soli 2/3 degli anni di servizio pre-ruolo successivi al quarto.

Ciò significa che per un lavoratore con 13 anni di anzianità pre-ruolo, solo 10 sono riconosciuti ai fini della ricostruzione di carriera. Infatti, dopo il quarto anno di servizio, solo i 2/3 degli anni successivi lavorati vengono conteggiati, per cui:

di 13 anni lavorati

solo 4 sono conteggiati interamente

mentre dei restanti 9, solamente 6 verranno tenuti da conto

perdendo interamente 3 anni di servizio, con relativo enorme danno economico.

Tuttavia, recenti sentenze hanno contraddetto tale imposizione normativa, riconoscendo l’interezza degli anni di lavoro pre-ruolo effettivamente svolti.

Chi può fare ricorso?

Il personale docente ed educatore di ruolo che abbia trascorso un periodo di tempo superiore ai 4 anni di servizio pre-ruolo.

ATTENZIONE: NON si incorre in alcuna prescrizione del diritto alla ricostruzione della carriera, anche qualora siano trascorsi più di 10 anni dall’emissione del decreto di ricostruzione e comunicazione dell’inquadramento stipendiale. Il che vuol dire che chiunque potrà vedere soddisfatta la pretesa al riconoscimento del proprio diritto a prescindere dal momento di passaggio a ruolo.

Potrebbe interessarti:  Precari storici scuola, chiesta la fase transitoria: la proposta

Cosa serve?

  • Copia di tutti i contratti o dei certificati di servizio;
  • Copia del decreto di inquadramento stipendiale;
  • Delega avvocato (da firmare in originale presso una delle nostre sedi o spedita  a mezzo raccomandata con firma originale).

Quanto costa?

ISCRITTI UNICOBAS: GRATUITO il patrocinio dell’avvocato per tutti gli iscritti è gratuito. Non è necessario pagare il contributo unificato (tassa necessaria al fine della presentazione del ricorso) per gli aventi reddito familiare inferiore a €32.298,99. Per chi superasse il reddito i costi sono relativi solo al pagamento del contributo unificato. Solo in caso di vittoria sarà corrisposta dal ricorrente la somma pari al 5% di quanto ottenuto.

NON ISCRITTI ALL’UNICOBAS: Il patrocinio dell’avvocato per i non iscritti ammonta a €175,00. Non è necessario pagare il contributo unificato (tassa necessaria al fine della presentazione del ricorso) per gli aventi reddito familiare inferiore a €32.298,99. Chi superasse il reddito, dovrà farsi carico dei costi relativi al pagamento del contributo unificato. In caso di vittoria sarà corrisposta dal ricorrente la somma pari al 8% di quanto ottenuto.

Si invitano tutti coloro in possesso dei requisiti sopra descritti a contattare tramite email unicobasmilano@libero.it per ulteriori informazioni e per prendere parte al ricorso. In alternativa telefonare allo 0267481921 (sede centrale sita in via Fara – Milano) o allo 0289015352 (sede di comprensorio sita in via Spartaco – Milano).

UNICOBAS SCUOLA & UNIVERSITA’ MILANO

Il Segretario provinciale

Dott. Marco Monzù Rossello

Responsabili area legale

Avv. Giovanna Creti

Avv. Antonella Carbone

RESTA INFORMATO GRATUITAMENTE SUL MONDO DELLA SCUOLA, ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK, CLICCANDO qui O CLICCA “MI PIACE” SULLA PAGINA FACEBOOK