Ecco due domande dei nostri lettori e le relative risposte attraverso la rubrica settomanale “Lavvocato risponde” del 16/12. Ricordiamo che i legali ESPOSITO/SANTONICOLA si rendono disponibili a pubblicare, di settimana in settimana, due risposte ai quesiti più frequenti, giunti con sms whatsapp al numero 3661828489. Le domande di oggi riguardano il ricorso stabilizzazione docenti precari e il ricorso concorso semplificato infanzia-primaria.

Domande della settimana

1) Ricorso stabilizzazione docenti precari (GRADUATORIE DI ISTITUTO) con tre annidi servizio “su posto vacante”.

Gentile Avvocato, condividendo pienamente la sua strategia ho domandato alle singole scuole, con accesso atti, che venga documentata “la natura, vacante e non, dei posti ricoperti”, a seguito degli incarichi statali conferiti al 30 giugno”. Il primo Istituto mi ha risposto così: è stato nominato docente a tempo determinato su una cattedra non vacante perché costituita in organico di fatto. Che tipo di replica è questa? Un posto può essere vacante anche in organico di fatto, allorchè manchi il titolare! Credo che, a questo punto, dovrò richiedere l’intervento giudiziario, avendo sottoscritto numerosi contratti di identico tenore.

telegram-scuolainforma-336x280

Avv. Aldo Esposito: Gentile docente, il suo ragionamento non fa una piega! La distinzione tra organico di diritto ed organico di fatto caratterizza il solo Stato Italiano; quello che per noi conta, ai fini del ricorso, è la natura (vacante e non) dei posti ricoperti. Risultano svariati i casi nei quali le supplenze al 30 giugno siano state assegnate a copertura di posti “vacanti”, anche su organico di fatto. In queste ipotesi, l’avvenuta stipula di ripetuti contratti a termine rappresenta, a nostro parere, un abuso, perpetrato ai danni dei docenti utilizzati per soddisfare esigenze non temporanee, a copertura di un costante organico di fatto. Per richiedere preventivi ed info sul “RICORSO STABILIZZAZIONE DOCENTI CON ALMENO TRE CONTRATTI STATALI SU POSTO VACANTE ”, si inoltri WhatsApp al numero 3661828489. Per conoscere la strategia dello studio legale sulla stabilizzazione dei precari, graduatorie di istituto, ecco il link:

LA STRATEGIA PER STABILIZZARE I PRECARI DI TERZA FASCIA

2) Ricorso concorso semplificato “INFANZIA/PRIMARIA”. Termine di adesioni prorogati, è ancora possibile aderire.

Gentile Avvocato Santonicola, le scrivo anche a nome di colleghi, diplomati magistrali (entro il 2001/2002) o laureati in scienze della formazione primaria, appartenenti alle seguenti categorie:

  • Diplomati/Laureati che non hanno mai insegnato;
  • Docenti con servizio biennale svolto, in tutto o in parte, nelle scuole paritarie;
  • Docenti con servizio, di un anno o pochi mesi, svolto presso scuole statali o paritarie;
  • Docenti con servizio, nel periodo compreso tra il 1999 ed il 2009;
  • Docenti che nell’anno in corso, per la prima volta, stanno insegnando presso scuole statali o paritarie.

Solo oggi abbiamo letto sul sito scuolalex.it l’iniziativa giudiziaria, intrapresa dal suo studio legale, alla quale non vogliamo rinunciare: possibilità di essere ammessi ad un concorso che prevede soltanto un colloquio orale non selettivo. Abbiamo notato che i termini di adesione risultano prorogati al 30/12/2018, tuttavia non avendo inoltrato la domanda cartacea di partecipazione al concorso, entro il 12 dicembre 2018, possiamo ugualmente partecipare al ricorso? Sarà possibile inserirsi, pur in presenza di un parallelo giudizio pendente per l’inserimento in G.A.E.?

AVV. CIRO SANTONICOLA: Gentile docente, la risposta ad entrambi i quesiti è affermativa. Secondo la nostra impostazione, la domanda di partecipazione al concorso, con modello appositamente predisposto dallo studio legale, sarà allegata al ricorso “per mera strategia processuale”, al fine di dimostrare “l’interesse ad agire” del/lla maestro/a che, precluso/a nell’accesso al sistema di inoltro telematico (ISTANZE ON LINE), manifesterà al giudicante-quanto meno con istanza cartacea- la volontà di sostenere il colloquio non selettivo. Tuttavia, in sede giudiziaria, sarà richiesto il “ripristino della piattaforma telematica”, alla luce del blocco informatico delle domande di partecipazione al concorso, per i candidati aprioristicamente ritenuti privi dei requisiti e, per questo, impossibilitati ad inserirsi nei termini di cui al bando. In ragione di tanto, potrà aderire al ricorso, anche a seguito di successivo inoltro della domanda. Considerato, infine, che le nuove graduatorie di merito regionali, derivanti dal concorso straordinario infanzia/primaria (consistente nel solo superamento di un colloquio orale non selettivo), rappresenteranno un canale di reclutamento alternativo alle G.A.E., potrà certamente aderire al ricorso chi si trovi in un parallelo giudizio per l’inserimento in Graduatoria ad Esaurimento (G.A.E.). Ecco il link del RICORSO CONCORSO SEMPLIFICATO “INFANZIA/PRIMARIA”.

RICORSO CONCORSO SEMPLIFICATO DIPLOMATI MAGISTRALI E LAUREATI SFP COLLOQUIO ORALE NON SELETTIVO

Per le risposte ai quesiti ancora più specifici, si inoltri WhatsApp al numero 3661828489.