I diplomati magistrali stanno vivendo una fase di transizione con stati d’animo differenti. La questione sul piano giudiziario non è ancora chiusa, come dimostra il rinvio al prossimo 20 febbraio della nuova adunanza plenaria del Consiglio di Stato. Ai diplomati magistrali spetterebbero le Gae, soluzione ritenuta più ragionevole rispetto ad un concorso limitato a pochi partecipanti. Il Coordinamento DMA Piemonte, in occasione delle prossime festività natalizie, intende formulare gli auguri per un sereno Natale, non senza una vena polemica verso chi, a loro giudizio, non è stato in grado di esercitare l’unica vera tutela per i maestri e le maestre della scuola italiana.

Rimettiamo di seguito integralmente il comunicato stampa inoltrato alla nostra redazione.

Questo Governo non ci tutela…anzi, ci licenzia!

Con NOI MAESTRE (e non solo) questo Governo NON È PASSATO DALLE PAROLE AI FATTI, dimenticandosi di quanto sbandierato in campagna elettorale.

Sono state sanate diverse situazioni (per noi discutibili) e la situazione dei diplomati magistrale è peggiorata notevolmente grazie ad un concorso truffa che NON TUTELA NESSUNO.

Auguriamo ai Leader di questo Governo che il Santo Natale e l’Anno Nuovo portino loro la memoria smarrita e la volontà di RISOLVERE FINALMENTE L’ANNOSA QUESTIONE DEI DIPLOMATI MAGISTRALE da tutti orgogliosamente chiamati MAESTRE e MAESTRI.

“CARI LUIGI E MATTEO sicuramente anche Voi avrete avuto LA VOSTRA MAESTRA che portate nel cuore: peccato che, con questo provvedimento, la stiate vergognosamente cancellando come figura.

Riflettete; a volte basterebbe poco per non commettere atti nefasti che segnerebbero la vita di migliaia di famiglie italiane, le stesse che tempo fa hanno creduto in voi e che oggi deludete profondamente”.

Con l’augurio che queste Festività portino consiglio a tutti i Componenti della Maggioranza di questo Governo, AUGURIAMO UN SANTO NATALE ALL’INSEGNA DELLA SERENITÀ: la stessa che avete tolto a 55000 Docenti!

Coord DMA Piemonte

Potrebbe interessarti:  Scuola, temperature interne: condizioni di agibilità sempre più precarie

Carla Traverso

Rossella Zeppi

Cristina Zedde