Auguri e precisazioni del ministro Bussetti: fake news taglio sul sostegno
Auguri e precisazioni del ministro Bussetti: fake news taglio sul sostegno

Direttamente dal suo profilo Facebook il ministro Marco Bussetti pubblica uno stringato comunicato di auguri a tutto il personale scolastico. E’ anche l’occasione per fare alcune importanti considerazioni su alcune notizie false che stanno circolando  in queste ore in rete. Bussetti precisa: “Sulla scuola, in particolare sul sostegno, non ci sono e non ci saranno tagli”

Il messaggio di Auguri del ministro Marco Bussetti

Fra poco saremo tutti alle prese con i festeggiamenti dell’ultimo dell’anno. Auguro a tutti voi e alle vostre famiglie un buon 2019.

Prima di chiudere questo 2018 mi preme, però, fare un’importante precisazione. Sulla scuola, in particolare sul sostegno, non ci sono e non ci saranno tagli.

Le tabelle che stanno circolando in questi giorni vanno lette bene. Da quest’anno le risorse per le supplenze del sostegno vengono individuate anno per anno. Quindi con le prossime manovre saranno di volta in volta iscritte in bilancio, programmando la spesa sulle necessità previste. Il Ministero continuerà sempre a garantire il sostegno a chi ne ha bisogno.

Passare per quelli che lo tagliano sarebbe assurdo. Siamo infatti il Governo che ha voluto un Ministero specifico per difendere i diritti delle persone con disabilità. Stiamo poi finalmente disponendo l’attivazione di 40.000 posti di specializzazione, per avere un maggior numero di insegnanti preparati sul sostegno. Da quando sono arrivato al Miur ho riunito diverse volte l’Osservatorio competente, che non era più stato convocato. Stiamo anche lavorando insieme ad associazioni e famiglie per migliorare le modalità di assegnazione delle ore di sostegno. Per un servizio migliore ai nostri ragazzi.

Potrebbe interessarti:  Stipendi NoiPA, in arrivo il cedolino di gennaio 2019: data pagamento

Stiamo insomma agendo con grande concretezza. E con i fatti. Dopo anni di parole e promesse.

Fonte: profilo Facebook di Marco Bussetti (https://www.facebook.com/marcobussettiofficial/)